Animalisti che sottraggono Macachi alla Sperimentazione per farli Sbranare dai Cani!


Dopo che i suoi quattro cani hanno sbranato a morte il suo macaco, questa animalista esemplare pensa bene di farsi affidare i macachi dell’allevamento Harlan preso di mira dagli attivisti reduci dai trionfi su Morini e su Green Hill…
Nella sperimentazione moderna si adottano misure rigorose per minimizzare il dolore nelle cavie, in nessun caso un macaco sottoposto a sperimentazione patirebbe come se venisse ferocemente sbranato da cani.

Animalisti che fanno sbranare Macachi - 01

… e a quanto pare, a sua stessa detta, sta per ottenere l’autorizzazione ad adottare altri macachi.

Animalisti che fanno sbranare Macachi - 02

L’impostazione di privicy del profilo facebook di Patrizia è pubblica, perciò a chiunque è concesso visitarlo.

Animalisti che fanno sbranare Macachi - 03

Dal suo profilo si scoprono altri inquietanti particolari, come quelli illustrati nei due screenshot che seguono.
Pare che Patrizia disapprovi la legge che giustamente vieta il trasporto internazionale di animali esotici (per impedire che animali selvatici vengano strappati al proprio habitat naturale ed eventualmente trapiantate in ecosistemi inadatti con il forte rischio di devastazioni ambientali, oppure per evitare implicite trasmissioni di patologie che possono generare epidemie interspecifiche negli animali dell’ecosistema ricevente), perciò Patrizia sembra si adoperi per procurarsi diversi macachi selvatici dell’Indonesia per vie illegali probabilmente perché insoddisfatta delle scimmie da compagnie di allevamento acquistabili in Italia.

Animalisti che fanno sbranare Macachi - 04

Patrizia pare dunque si prepari a fare ritorno a Bali per “salvare altri due bimbi” come scrive lei stessa (speriamo che non li “salvi” allo stesso modo del precedente, ovvero facendoli sbranare dai cani).

Animalisti che fanno sbranare Macachi - 05

E sulla scia del trionfo degli animalisti, che hanno ottenuto in affidamento i beagle di Green Hill, Patrizia già si prepara a riceve i macachi, futuri trofei della prossima battaglia che gli animaisti stanno progettando a danno della Harlan.

Animalisti che fanno sbranare Macachi - 06

Ricopio tale e quale il testo che ha inviato per fax alla Harlan:

Basta questo orrore avete le ore contate! Vi faremo chiudere al più presto voi dovreste essere tutti vivisezionati non quei poveri animali la vostra crudeltà non ha limiti vi fermeremo statene certi

Animalisti che fanno sbranare Macachi - 07


[MV]

About these ads

80 pensieri su “Animalisti che sottraggono Macachi alla Sperimentazione per farli Sbranare dai Cani!

  1. Nulla di nuovo. Per loro non contano le conseguenze, ma il gesto. Basta che hanno la coscienza libera poi possono anche far passare le peggiori agonie agli animaletti “liberati”, l’importante e’ che non finiscono nelle mani dei vivisettori asssasssini.
    Ma una sezione animalari per il Darwin award la organizzano?

    Mi piace

  2. Ma esiste una scimmia che è sopravvissuta alle “””cure””” di questa qui?
    Tra l’altro secondo wikipedia i macachi hanno una aspettativa di vita di circa15 anni. Vorrei sapere quanto sono sopravvissute in mano a questa qui.

    Mi piace

  3. lol…Come si puà far convivere una scimmia con 4 cani? E’ ovvio che la fine del macaco è certa: preda dei cani. Chiunque lo sa, pure un animalista dovrebbe arrivarci, non è difficile. Poi addirittura per soddisfare le propria voglia di “averne uno in casa” pensa di importarlo, illegalmente (coi danni ambientali ed etici che ne conseguono) dal suo paese di origine. Io…. allibito da tanta idiozia. Il commento “odio i miei cani” poi…XD ma esiste coerenza in queste persone?E ancora i commenti delle persone…ma nessuno gli da della cogliona e le dice di svegliarsi, che cani e macachi non possono convivere?

    E il peggior mio disprezzo va alle autorità che, secondo la Signora, le stanno affidando tutti i macachi del laboratorio, privando in primo luogo una azienda di sperimentare, per il NOSTRO benessere e poi condannando le scimmie ad una fine certa (tra l’altro nemmeno tanto piacevole )

    Magari se le affidano un’altra scimmia perde altri 15-20 kg e rimane talmente debole da non poter più permettersi di assassinare scimmie XD E’ vero che le peggiori efferatezze sono fatte con le migliori intenzioni, sempre.

    Mi piace

    • Purtroppo certi “animalari” dimostrano di non sapere nulla degli animali e dei loro comportamenti e, in fondo, di non amare davvero gli animali come invece ostentano. Persone del genere, che siano ignoranti e/o mentalmente disturbate, andrebbero tenute ben lontane dagli animali.
      Ho l’impressione che questo profilo (se non è un fake) sia quello di una persona profondamente disturbata, anche perché lascia che certi suoi comportamenti illegali e/o passibili di denuncia (minacce, importazione illegale di animali esotici) siano di pubblico dominio.

      Mi piace

  4. Aiutate questa donna, ha dei seri disturbi negli affetti.
    E… ehm, aiutate anche quei poveri animali, io al posto loro preferirei dieci vite nell’allevamento Harlan che un minuto a casa sua.

    Mi piace

  5. Questa signora è tanto animalista da andarsi a rubare le scimmie a Bali e chiede se qualcuno la porta in barca in Indonesia per potersi “prendere” 4 scimmie così da evitare i controlli doganali….Cara Signora Patrizia questo si chiama bracconaggio si deve soltanto vergognare per la sua ipocrisia

    Mi piace

  6. queste stanno proprio male … ohh il mio scimmione è morto quei poveri cagnolini non avevano niente da fare.. ma domani parto per l’indonesia e me ne porto via altre 4 …. MA VAFFANCULO IDIOTA FALLE VIVERE IN INDONESIA INVECE DI UCCIDERLE IN ITALIA…. che gente del cazzo .. se arrivano a 2 neuroni è già tanto ..

    Mi piace

    • Ma che “animalista” sottrae un animale dal proprio HABITAT per farlo diventare una sua proprieta’?…Leggo cose intelligenti in questo blog, non sono d’accordo con tutto, ma questi casi vanno segnalati gente…a medici competenti…

      Mi piace

  7. A me preoccupano le persone che le danno retta… Che lei abbia problemi è chiaro, un’animalista serio non andrebbe mai a sottrarre una scimmia dal suo habitat naturale per tenerselo in casa col rischio che i cani la uccidano; ma le persone che vanno dietro a questa qui mi inquietano!

    Poi una cosa non mi è chiara… Ha detto chiaramente di odiare i suoi cani perchè hanno ucciso la sua adorata scimmietta, nel caso riesca a prenderne un’altra cosa fa, mette i cani in gabbia per non farli avvicinare?

    Mi piace

  8. Questo accanimento contro la vivisezione è l’emblema dell’ipocrisia.
    Ma se le piacciono tanto le scimmie perchè non se ne va a vivere nella giungla e ci lascia in pace?

    Mi piace

  9. Ogni volta che leggo articoli del genere, uno dei miei neuroni si suicida per solidarietà coi suoi che sono già morti tutti.

    Battute a parte, qui si tratta di minacce e apologia di reato. Purtroppo entrambi mi risultano punibili su querela.

    Spero solo che quando contrabbanderà le scimmie incappi in qualche controllo doganale, non è roba da poco.

    Mi piace

  10. Io mi sto informando ora a quali forze dell’ordine bisognerebbe rivolgersi. Ho già scoperto che non è il caso di andare dalle Guardie Zoofile (E.N.P.A.), in quanto apertamente schierate con le associazioni animaliste.

    Mi piace

      • Davo per scontato che la “polizia zoofila” fosse quantomeno schierata con la legge italiana…mi sbagliavo. Sono tutti volontari, ovviamente animalisti. Infatti sto ponderando se fare un saltino dalla Guardia di Finanza. Non mi viene in mente altro.

        Mi piace

      • Le case farmaceutiche hanno bisogno anche di cavie umane, donagli tuo figlio, un tuo parente stretto o adirittura puoi offrirti direttamente tu come volontario (tanto ti pagano), fallo per il bene della scienza.
        La coerenza non sapete proprio dove sta di casa.

        Mi piace

      • La coerenza significa comportarsi secondo i propri principi ideali.

        ideali nostri: gli animali sono sacrificabili per la ricerca, gli umani no. Ne consegue che noi sperimentiamo su animali e non su umani.

        ideali degli animalisti: non c’è differenza dal punto di vista etico fra sperimentare sugli umani o sugli animali. ne consegue che essi, gli animalisti, possono offrire se stessi o i propri figli per la sperimentazione, onde salvare gli animali.

        Questions?

        [OI]

        Mi piace

      • Resistenza, please, non confondere ANIMALISTI con ANIMALARI…io conosco animalisti che, per quanto controversi sui fatti tipo Green Hill non si permetterebbero mai di fare coglionate come queste: questa è psicopatica, e quelli che le vanno dietro ipocriti ruffiani decerebrati…

        Mi piace

  11. Oggi domani in Italia le cose dovessero cambiare……….. io sarei favorevole all’arresto immediato per chi maltratta o mangia animali. Una pena di 3 anni, giusto il tempo per rinfrescarsi le idee e riflettere sull’utilità di vivere sulla vita altrui. Comunque…… per me vanno rispettate tutte le forme di vita, anche le mosche,i ragni e tutti gli insetti più brutti e fastidiosi, bisogna essere coerenti e lo sono. Troppo facile farsi intenerire da un’agnellino e poi schiacciare la prima mosca che ti ronza intorno. Gli animali hanno tutti la stessa dignità!

    Mi piace

  12. Questo sito è in difesa della sperimentazione animale? non l’avevo letto altrimenti non avrei mai aperto questa pagina!!!! Tanto mi censuri, quindi ti posso tranquillamente dire che se mai dovessi incontrare una persona che collabora con istituti che fanno esperimenti sugli animali gli meno,perchè voglio sperimentare l’intensità della mia forza! andate a cagare, voi e la vostra associazione di aguzzini!!!!!

    Mi piace

  13. Chi fà esperimenti sugli animali merita lo stesso trattamento. Un incidente non può giustificare questa questo scempio, meglio una scimmia sbranata da dei cani che una scimmia rinchiusa 24 ore giorno dentro una gabbia e costretta a subire sevizie. Il vostro sito è abberante!

    Mi piace

      • spero tu stia scherzando, meglio una scimmia sbranata che una in laboratorio?premetto che non mangio carne quindi ti sconsiglio di darmi nomignoli come carnivora ecc una persona come questa va rinchiusa perche questa non e un animalista ma semplicemente una persona che pur di avere sfogo ai suoi capricci va a bali a prendere delle scimmie !!ma stiamo scherzando? se vuoi fare l animalista la cosa e semplice come si tolgono dalle strutture schifose dove li tengono gli si fanno le visite ecc e si rimettono nel loro ambiente da dove sono venute dove pensi che le prendano quelli dei laboratori ?? li tolgono al loro ambiente e come sta facendo questa persona e comportarsi peggio di loro !! povere le scimmie che gli andranno in mano a lei perche faranno la stessa fine delle altre !! le scimmie devono stare libere non che le togli da una gabbia e te le metti in casa come capriccio personale !! la scimmia ha sofferto anche a essere sbranata non scrivete cose cosi perche vado in bestia !!

        Mi piace

  14. Fate bene a censurare e a non pubblicare i post indesiderati (o a farlo solo quando l’articolo non sarà più in evidenza) altrimenti i vaffanculo si sarebbero sprecati!!!

    Mi piace

  15. Pingback: Anonimo

  16. Vorrei sapere come applicherà il precetto tanto caro agli animalari secondo cui “non esistono cani cattivi, ma solo padroni cogl**ni.”
    Se è d’accordo, allora, dopo che i suoi cani hanno sbranato il macaco non le resta che darsi della cogl**na da sola!

    Mi piace

    • In effetti i cani hanno seguito il loro comportamento naturale, hanno eliminato l’intruso e difeso il branco (compreso il padrone, dal loro unto di vista). È proprio la padrona che poco intelligentemente (eufemismo) ha messo una piccola scimmia insieme a 4 carnivori di grossa taglia. Il finale era quasi scontato

      Mi piace

  17. L’unica speranza è che tenti davvero il contrabbando, e venga fermata dalle autorità indonesiane. Che sono molto meno indulgenti e politicamente corrette delle nostre. Altrimenti possiamo sperare nella pirateria. A parte gli scherzi, se avessi una parente del genere non me la sentirei di lasciarla scorrazzare liberamente per il mondo. Andrebbe fatta vedere da qualcuno, per il bene di tutti, uomini e animali.

    Mi piace

  18. La cosa migliore sarebbe una denuncia alla forestale perchè i macachi, in quanto Primati, sono indetenibili perchè inseriti nell’elenco delle specie pericolose, legge 150/92.

    Mi piace

  19. @ il ribelle:
    “Le case farmaceutiche hanno bisogno anche di cavie umane, donagli tuo figlio, un tuo parente stretto o adirittura puoi offrirti direttamente tu come volontario (tanto ti pagano), fallo per il bene della scienza”

    Piccolo idiota cerebroleso, secondo te perché sono a FAVORE DELLA SPERIMENTAZIONE ANIMALE? Forse perché valuto la vita umana più di quella di un altro animale? COERENZA è mantenere questo principio e non mandare figli, parenti stretti o me stesso come cavia. Clonati un cervello e spingitelo su per il naso.

    “La coerenza non sapete proprio dove sta di casa”

    Detto da te fa quasi sorridere. Piuttosto, siete voi che, valutando la vita degli animali superiore alla nostra, dovreste offrirvi come volontari (sempre che vogliate continuare ad usufruire di farmaci e qualsiasi cosa la società moderna produca…PARLANDO DI COERENZA; se davvero foste coerenti, vi dovreste privare di praticamente di ogni possessione, di cui i medicinali sarebbero solo la punta di diamante, e andare a cagare la minchia ai giaguari della foresta amazzonica, spiegando a loro come sia sbagliato mangiare le tartarughe ed offrirgli un’alternativa equivalente…il vostro braccio).

    Mi piace

  20. Aggiornamento: ho chiamato il medium degli animali che si è messo in contatto col macaco sbranato; l’animale mi ha comunicato che sarebbe meglio chiamare la neuro.

    Mi piace

    • L’hanno capito e hanno fatto branco tra di loro. Quando i cani sono con un umano valido, di solito ne fanno il capobranco, perché è il più intelligente e abile nella caccia (infatti porta il cibo a tutti, sebbene di solito sotto forma di crocchette).

      Mi piace

  21. Ho qualche domanda per gli animalisti. Senza polemica, nè insulti, davvero, ma ci terrei ad avere una risposta per capire meglio il vostro punto di vista.
    Ma davvero se un domani vostro figlio o voi stessi vi ammalaste, parlo di cose serie, tumori, leucemie, sareste pronti a negarvi le cure farmacologiche necessarie pur di rimanere coerenti con la vostra scelta animalista?

    Quindi per voi tutti gli ospedalizzati sono da condannare perchè si affidano a protocolli terapeutici che esistono grazie alla sperimentazione animale? Anche i vostri genitori perchè prendono farmaci per la pressione o per il cuore? Le vostre fidanzate perchè prendono la pillola? I vostri nipoti perchè si vaccinano? I vostri amici perchè si mettono i cerotti per smettere di fumare? Vostra sorella perchè si fa fare l’anestesia per farsi operare di appendicite? Il vostro vicino di casa perchè è dializzato? Per voi sono tutti cinici sfruttatori delle vite animali?

    Quindi non avete mai preso un antidolorifico per un mal di schiena? Il dentista non vi ha mai fatto l’anestesia prima di otturarvi una carie? Mai preso un antibiotico per delle placche in gola? Cavoli…

    Ho amici e conoscenti che denunciano la sperimentazione animale poi il sabato mattina ingurgitano beveroni di nimesulide e aspirina per farsi passare il mal di testa post sbornia… Pensa un po’, alla faccia della coerenza… Che poi non è che siano dei veri animalisti, non tutti almeno. Nel senso, non è che la causa sia proprio tra i loro principali pensieri. Sono piuttosto di quegli animalisti (anzi, per loro userei il termine animalari) che quando su Facebook si imbattono nella foto della scimmietta dietro alle sbarre perdono 30 secondi a scrivere nei commenti “BASTARDI VIVISETTORI DOVETE MORIRE”. Oppure che nei momenti di cazzeggio scrivono su Google VIVISEZIONE, guardano in modo morboso qualche foto, senza nemmeno preoccuparsi di quale sia la fonte, e la condividono indignati. Un po’ qualunquisti, un po’ banalotti… non vi fanno fare una gran figura.

    Anche a me piange il cuore quando vedo certe immagini legate alla vivisezione (mi piange il cuore anche quando vedo chihuahua con cappottini rosa o carlini dentro alle borse delle ragazze, ma questo è un altro discorso), nessuno gode a fare ricerca sugli animali e se ci fossero alternative migliori, credetemi, verrebbero preferite, se non altro perchè le cavie costano soldi, tempo ed energia. Ma se la trovassi una cosa così cruenta, se non me la sentissi di fare ricerca sugli animali, semplicemente lascerei che se ne occupassero gli altri, anzi, grazie di cuore ricercatori che fate il lavoro sporco anche per me. Capisco il desiderio di abolire ricerche futili (vedi cosmetici o detergenti) e studi di dubbia utilità, ma colpire la sperimentazione animale così, indistintamente… Per me il vostro obiettivo è utopia e reca danno anche a voi stessi e ai vostri cari. Senza considerare che è con la sperimentazione animale che si arriverà forse un giorno e nei limiti del possibile a trovare modelli di studio alternativi. E senza considerare che i risultati della sperimentazione animale vanno a beneficio anche degli animali stessi.

    Ah, apro una parentesi in cui forse mi scapperà un po’ di cinismo, chiedo venia, ma è solo per fare una domanda a NUOVORISORGIMENTOBLOG che immagino sia vegetariano o addirittura vegano (brrrr).
    Me lo sono sempre chiesta, ma cosa diavolo mangiano i cani dei vegetariani/vegani? Insalata? Il mio se non ha la sua scatoletta quotidiana di pollo e le sue crocchette di pesce mi fa l’offeso per due giorni. Quindi per te il mio cane è uno bastardo assassino? O solo l’uomo è un assassino se mangia gli altri animali?
    Ma tu quindi non hai mai ucciso una zanzara? Nè una mosca? Un ragno? Mai pestato una formica? Cammini saltellando in punta di piedi?
    Stasera, quando torno a casa, vado dal contadino che abita di fianco a casa mia e che ogni giorno si spezza la schiena nella stalla per mantenere la sua famiglia (ha qualche maiale, qualche mucca e dei polli) e gli dico da parte tua che si deve vergognare, che fa schifo, allevare animali per mangiarli, che miserabile pezzo di merda senza cuore, ok per te? Magari aspetto che ci sia anche sua nipote di 6 anni, che sappia anche lei che uomo di merda è suo nonno.
    Chiusa parentesi.

    Mi piace

    • Sono animalista. Cioé, sono un’animalista moderata. Nel senso che non mi sento una talebana e nemmeno un’estremista. Ti voglio quindi esporre il mio punto di vista, liberissimo di scegliere se leggerlo oppure no.
      Mangio carne, poca, ma la mangio. Non credo l’essere umano sia erbivoro come si vuole far credere fra i vegani o, per meglio dire, non credo lo sia più. Compro solo carne della quale conosco la provenienza (la macellano dietro casa mia e il contadino é il mio vicino). Un secondo e via, l’animale é morto. Non c’é sofferenza. Al ristorante e a casa di amici io sono vegetariana… dopotutto una linea di coerenza la devo anche tenere.
      Parli di animalisti che dovrebbero evitare di farsi curare… Io mi chiedo, perché? Perché se io sono malato dovrei decidere di non farmi curare? Ho un’alternativa ai farmaci provenienti dalla SA? La morte? Non ti pare di mettere due pesi troppo contrapposti sulla bilancia? Certo con slogan triti e ritriti di questo genere magari qualcosa si potrà anche ottenere, ma a mio parere prendono un po’ troppo in giro l’intelligenza della gente. Un po’ triste abbassare a livelli tali una discussione.
      I tuoi amici, di cui parli nell’intervento, tutto sono meno che animalisti. Sono, come definirli?, tristi. Sulla foto dell’animale morente inveiscono contro gli sperimentatori, sulla notizia riguardo ad una nuova cura contro il cancro apportano un bel pollice alzato. Scusa, ma persone così non fanno comodo ne a una, ne all’altra parte proprio a causa della loro ignoranza (nel senso che “ignorano” i fatti).
      Non ho una “vera” posizione riguardo alla SA. Si, sono principalmente contro per motivi etici e perché la trovo una pratica inutile, ma non posso dire con certezza che la mia idea sia giusta. Anche se, leggendo qua e là le varie ricerche, non posso che continuare ad avvalorare la mia tesi (a volte, i ricercatori si tagliano le gambe persino da soli, ma da persona intelligente quale sicuramente sei, dopo aver fatto un intervento tanto interessante, lascio a te il piacere di cercare le informazioni in rete o sui libri).
      Parli di “costi” della SA, che bello. Invece di guardare i costi, perché non guardi i ricavi che ogni casa farmaceutica e compagnia bella percepiscono con la SA? Visto che dici che “ti piange il cuore” quando vedi immagini così cruente? Per non parlare dei profitti individuali di ogni ricercatore. Come farebbero con la loro carriera, se non vi fosse più la possibilità di pubblicare decine di articoli pressoché uguali? :’(
      Riguardo ai vegani che somministrano alimenti vegani ai loro cani/gatti (più qualche integratore), non posso che dirmi d’accordo con te. Io personalmente, li odio. Li odio perché si dichiarano amici della natura e snaturano a tal punto un animale. Ma immagino questo sia un discorso a parte.
      Tanti saluti.

      Mi piace

      • Ciao Chiara,
        grazie per la bella risposta, senza insulti e con spunti interessanti di riflessione e poi amo la parola “moderato”, sia quando si accosta ad animalista che quando si accosta a “pro-vivisezionista”.

        Il motivo per cui sono a favore della sperimentazione animale è che io stessa la utilizzo. Nello specifico faccio vivisezione nuda e cruda, la meno “simpatica”. E’ emotivamente faticoso, perché anche io mi affeziono alle cavie e per quanto possa garantire che non c’è niente di doloroso nelle procedure mi rendo conto che il mondo sarebbe più bello senza e perdonami la retorica.

        Oltre a essere emotivamente faticoso, è poco remunerativo, nessun profitto individuale dei ricercatori, quindi, come tu ipotizzi. Ti basta andare su internet per capire quali sono i nostri stipendi, ricordandoti che non abbiamo ferie, permessi, malattia, maternità, contributi… Vorrei puntualizzare, però, che io parlo di ricerca universitaria perché di ricerca farmaceutica non so niente, non ho idea se questa speculazione di cui tanto si parla sia vera o inventata.

        Oltre a essere emotivamente faticoso e poco remunerativo non porta a nessuna carriera. Precari tutta la vita, una borsa di un anno, un assegno di ricerca l’anno dopo… si vive alla giornata. Le cattedre ce le sogniamo e il posto da ricercatore pure, che poi ora non è nemmeno più a tempo indeterminato. Non conta di quanti articoli siamo autori, articoli che tra l’altro vengono pubblicati solo se approvati dai referee, il cui ruolo è anche quello di evitare la proliferazione di articoli ridondanti o approssimativi.

        Oltre a essere emotivamente faticoso, poco remunerativo e a non portare nessuna carriera, è bersaglio di insulti. Ci sentiamo dire che siamo sadici assassini senza cuore da persone che, nella maggior parte dei casi, non ha nessuna competenza per poter valutare l’utilità del nostro lavoro.

        Viene allora da chiedersi perché lo facciamo? Io personalmente, ma credo di parlare per tanti, perché credo fermamente nel progresso della scienza e vedo con i miei occhi dove finiscono in ultima analisi le ricerche che si fanno nel mio dipartimento. Le vedo applicate dai medici, le vedo che non cadono nel vuoto. Certo, non hanno ancora risolto il problema, ma a piccoli passi stanno migliorando la qualità della vita di alcune categorie di malati.

        Quali alternative ci sono ai farmaci provenienti dalla SA? Non mi occupo di farmaceutica, ma direi fitoterapia, omeopatia ma anche placebo e meditazione. Niente a che vedere con l’efficacia dei farmaci, sono d’accordo, ma è proprio questo il punto! Per accettare il farmaco, bisogna accettare la SA, perché le due cose vanno a braccetto, è così e non può essere diversamente. D’altra parte chi si offrirebbe volontario per assumere un farmaco di cui non si conoscono gli effetti? Per questo troviamo ipocrita essere contro alla SA e assumere farmaci. E’ semplice e lineare, non capisco cosa a tanti animalisti non torni in questo ragionamento.

        Detto questo, riconosco che mi è capitato talvolta di non cogliere il senso di qualche esperimento. Penso però anche che ogni ricerca sia potenzialmente utile a prescindere da tutto. Infine dubito che un ricercatore perderebbe tempo a fare ricerche futili, perché il risultato dei propri studi e la sua utilità in ambito scientifico sono in ultima analisi le uniche gratificazioni su cui potrà contare.

        Mi piace

  22. ma scusate… questo è uno dei cani che le avrebbe sbranato i macachi? :)
    se lo hanno fatto.. probailmente erano prima morti di fame o defedati al limite del coma…

    Mi piace

  23. La signora ha seriamente bisogno di un consulto psicologico. Non c’è da accanirsi ma solo da compatire.
    A differenza sua esistono mandrie di animalisti talebani che sono semplicemente ignoranti e prepotenti, quelli si che meritano sfottò a tutto spiano.

    Mi piace

  24. Devo ammetterlo:Paginetta esilerante..
    però, a parte le risate, che c’entra tutto ciò con la salute di noi umani,tanto rievocata nell’immagine di questo sito(e solo li)?
    Scusate ma ribadisco che forse,la gente come me, a cui non frega nulla nè di animalisti nè di antianimalisti, preferirebbe che ,visto che anche le scimmie si stanno rivelando un modello deludente per ogni tipo di ricerche,si utilizzassero metodiche più attendibili,con buona pace delle scimmie,che rimarrebbero al loro paese, e buona pace di tutti quelli che passano il tempo su fb cosi… ;-)

    Mi piace

  25. Cavolo io non capisco come fa questa ad averle dentro casa, povere scimmie. Sarà da aiutare si, ma chi diavolo da questi permessi? Questi poveri animali, già scampati da una tortura mostruosa, ne trovano altre, in mano a questa finta animalista? Cazzo più di cosi! questa è malata, va aiutata, e levati i permessi!

    Mi piace

  26. Speriamo la signora in questione sia solo una povera “pazza”… se davvero le associazioni animaliste dovessero dare un qualsiasi animale a una così, é finita. Mi sembra molto un “fake” in ogni caso. Non certo creato da questo blog (che ovviamente ne fa buon uso, promuovendolo e pubblicandolo sulla prima pagina del proprio sito).

    Il web é pieno di bugiardi. Forse sarebbe il caso di filtrare le “bugie” dalle “verità”, prima di gettare fango addosso a una o all’altra parte (e con questo mi riferisco anche alle scandalose immagini [riportate su questo stesso sito] utilizzate per creare slogan anti-vivisezionisti, che con la vivisezione ben poco hanno a che fare). Povera opinione pubblica, farsi un’idea propria diventa sempre più difficile.

    Mi piace

  27. Pingback: I cagnolini di Greenhill? Stavano probabilmente meglio dove stavano...

  28. Risposta su youtube ad un mio commento della signora in questione:
    “TU SEI IL CLASSICO VIVISEZIONISTA DI M……… INDIFESASPERIEMNTAZIONEANIMALE SARA’ OSCURATO DALLA POLIZIA LA PRATICA E’ GIA’ IN PROCURA SIETE DEGLI IGNORANTI LA MIA SCIMMIA HA VISSUTO PER BEN 17 ANNI LIBERA SEMPRE A CONTATTO CON I CANI MA PURTROPPO DEVE ESSERE SUCCESSO QUALCOSA PERCHE’ LORO CI HANNO SEMPRE GIOCATO INFATTI IO HO UN CIRCUITO DI TELECAMERE NEL GIARDINO E ABBIAMO VISTO CHE ERA ENTRATA UNA VOLPE QUINDI NON SONO STATI I MIEI CANI AD UCCIDERLA COME PENSAVO”

    Conosco molto bene le volpi e non ci credo manco se vedo il video. Una scimmia se la mangia la volpe, in ogni caso quest’ultima non è assolutamente interessata ad una preda cosi difficile. Ho delle galline in giardino ed una volpe adulta punta sui pulcini o sulle galline ma non il gallo che la metterebbe in difficoltà quindi è fuori discussione che attacchi una scimmia.

    Mi piace

    • Ma come, non l’aveva detto lei stessa che la scimmia era stata uccisa dai suoi cagnetti che avevano fatto branco? Il mistero comunque potrebbe essere risolto facilmente, con il medium che mette in contatto con gli animali morti!

      Mi piace

  29. Senza dimenticare che la volpe non spreca energie per uccidere un animale senza un utilità (cioè portarselo via per mangiarlo in seguito).

    Ah vero la medium, si si potrebbe fare una bella seduta insieme ai cani e alla volpe in modo che possano scusarsi.

    Mi piace

    • Una volpe che ammazza un macaco? Ma ha presente la tipa quanto è grossa una volpe? Come prede vive al massimo può prendere un topo o un cucciolo di marmotta. Un animale di 7-9 kg che ne uccide uno di 18-20 kg? Se un macaco incontrasse una volpe probabilmente se la mangerebbe lui, in ogni caso avrebbe la meglio.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...