L’Anestesia nella Sperimentazione Animale


Ho notato come più volte si fa confusione tra la realtà dei fatti e le leggende metropolitane secondo le quali i laboratori sono camere di tortura.

Sicuramente quello che si sta per trattare è un argomento molto complesso che richiederebbe pagine e pagine, ma spero di riuscire a rendere il concetto il più semplice possibile.

La bugia più accreditata è quella che all’interno dei laboratori non venga usata l’anestesia perché troppo costosa; sebbene gli anestetici siano difficili da comprare, richiedono, infatti, dei formalismi e dei percorsi tortuosi in relazione al fatto che tutto il loro percorso deve essere rintracciabile dal momento che spesso si tratta di stupefacenti, i loro costi non sono così esorbitanti, si parte da circa € 1,50 per sedativi blandi per arrivare a prezzi relativamente più alti per gli oppioidi, e dico relativamente perché comunque su tutta la sperimentazione hanno un’incidenza minima, pertanto sarebbe da stupidi rischiare sanzioni salate, per il mancato rispetto di una legge che si fonda su una normativa europea in materia di sperimentazione, per pochi “spiccioli”; secondo perché (egoisticamente) serve ad agevolare il lavoro dello sperimentatore e terzo perché chi lavora nell’ambito di certo non ha il piacere nel veder soffrire un essere vivente sotto i propri occhi e a causa del proprio operato.

Allora perché, alcune volte, gli anestetici non vengono usati?
La risposta è semplice: perché possono compromettere la veridicità di un esperimento.
In che modo?
Non permettendo una valutazione delle reazioni dell’animale perché sedato o perché interferiscono con il percorso che la sostanza usata nel test compirebbe in assenza dell’anestetico (ad esempio potrebbero indurre un aggiustamento (in più o in meno) della dose realmente necessaria perché ad esempio ne aumentano l’eliminazione o potrebbero interferire con l’assorbimento o potrebbero causare uno spiazzamento dalle proteine plasmatiche o potrebbero interferire con lo stesso sito recettoriale etc.

Forse alcuni esempi saranno maggiormente esplicativi: pensiamo ad uno sperimentatore che sta studiando un nuovo anestetico, se l’animale usato fosse già anestetizzato come potrebbe capire se la nuova molecola è in grado di indurre a sua volta tale effetto?
O ancora come si potrebbe sperimentare un antidolorifico, se già il riflesso del dolore è stato spento?
E quando si compiono degli studi in merito all’epilessia, che si basano su analisi comportamentali del topo se il topo è sedato, come potranno venir fuori tali comportamenti?
E questo elenco potrebbe essere molto più lungo di così.

Come si interviene in questi casi?
Innanzitutto prima che parta una sperimentazione occorre che si presenti una documentazione corredata del protocollo che si intende seguire ad un comitato etico e sulla base delle motivazioni che spingono gli sperimentatori ad intraprendere una determinata ricerca, tale comitato se ritenesse inutili taluni esperimenti potrebbe suggerire delle modifiche al protocollo o addirittura negare il permesso per iniziare la sperimentazione; inoltre la normativa che regolamenta la sperimentazione animale prevede che qualora ci dovessero essere dei casi in cui sia strettamente necessario (come nei casi citati) sperimentare senza l’ausilio di anestesia allora si deve avere l’accortezza di far durare le sofferenze il meno possibile.

La legge impone, inoltre, che l’esperimento sul singolo individuo venga svolto una sola volta, cioè se il protocollo prevede che occorre causare una crisi epilettica ogni individuo, usato durante la sperimentazione, subirà tale pratica solo una volta durante tutto l’arco della sua vita.

L’argomento è sicuramente molto più complesso di come lo abbia reso io, ma in ogni caso spero di aver reso l’idea che i laboratori non sono camere di tortura in cui operano sadici, ma sono luoghi in cui si lavora per il bene di tanti ed è questa consapevolezza che fa superare, allo scienziato, il disagio di dover spesso sacrificare degli animali.


[VS]

Annunci

5 thoughts on “L’Anestesia nella Sperimentazione Animale

  1. Come hai scritto anche tu, la materia e’ molto complessa e richiederebbe pagine e pagine di precisazioni e distinguo. Tuttavia due obiezioni mi saltano alla mente:

    1) Gran parte di cio’ che hai elencato e’ teorico. “La legge dice.. Il comitato etico potrebbe.. Chi lavora nell’ambito di certo non ha il piacere..(garantisci tu per tutti??)

    Senza alcuna vena polemica: quante proposte di esperimento sono state respinte per improponibilita’ etica? Parliamo di dati. Quali sono questi comitati etici, da chi sono composti e chi li elegge? Forse, tu che sembri essere addentro nel sistema, puoi spiegarlo.

    2) E’ verissimo che grazie alla sperimentazione si sono fatti enormi progressi nella storia della medicina e non solo ma e’ altrettanto vero che si sono avuti grossi disastri. Tutt’ora non c’e’ unanimita’ nel mondo scientifico sulla universlaita’ dei risultati ottenuti.

    Ergo: discutiamone con razionalita’ ma senza partito preso ne da un lato ne dall’altro.

    Cordialmente,

    Marco

    Mi piace

    • Rispondo io, per quanto possibile:
      1) Non possiamo fare molto altri che affidarci alla teoria. Ma se anche nella pratica ci fossero effettivamente delle violazioni significative, questo non invocherebbe certo la fine della sperimentazione animale, che invocano gli “antivivisezionisti”. Invocherebbe semmai controlli più rigidi.
      Personalmente posso dirti che nei laboratori dove sono stato non si lesinava sull’anestesia. E che nessuno ha il diritto di accusare tutti quelli che lavorano sui modelli animali di essere dei criminali, anche se magari alcuni potrebbero esserlo.
      2) Non mi viene in mente nessun particolare disastro dovuto alla sperimentazione animale. E mi sembra anche che la comunità scientifica sia parecchio compatta riguardo alla sua necessità, come dimostra il fatto che i premi Nobel per la medicina hanno per lo più avuto bisogno di ricorrervi.

      [OI]

      Mi piace

      • Suppongo che si riferisse al talidomide o altre cose smontate e rismontate, ma è sempre bene che sia l’interessato a specificare.

        Mi piace

  2. ricordo che a garanzia degli animali è presente anche un medico veterinario che seppur non sempre fisicamente presente può essere molto incisivo sulle procedure.

    faccio anche presente che sono moltissimi i protocolli di ricerca che vengono reinviati al mittente in quanto eticamente poco sostenibili, si chiedono quindi integrazioni, cambi procedurali, delucidazioni maggiori sul tipo di ricerca ecc… tutto la questione attualmente potrebbe arrivare anche a 7-8 mesi di scambi epistolari con allegati e domande-risposte

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...