Caccia alle Streghe Animalista

Questo articolo sembrerebbe un fuori tema ma non lo è, dato che l’episodio che sto per illustrarvi è emblematico del comportamento animalista e antivivisezionista.

Il fatto: è comparsa su internet una foto di un combattimento fra cani da qualche parte in Asia, fuori dal ring si notano alcuni stendardi della Heineken. Stop. Tutto qui.

Ora la Heineken come anche le altre birre dà in regalo gadget come ombrelloni da mare, asciugamani, bandiere… e ovviamente non può sapere ed evitare l’uso inappropriato che la gente può fare di questi oggetti… del tipo: se do un colpo in testa ad un tizio usando il manico dell’ombrellone della Heineken… la Heineken è colpevole?!

Ma la mente degli animalisti non è in grado di compiere questo banalissimo ragionamento, gli animalisti sono in balia del trasporto emotivo, nella loro mente quella foto rappresenta immediatamente una prova inconfutabile: l’Heineken organizza i combattimenti fra cani!

Per assistere allo spettacolo dell’invasione barbarica animalista scatenata da suddetta foto, basta visitare in queste ore la pagina facebook della Heineken.
La valanga delle invettive che si susseguono su tale pagina è piuttosto omogenea, i commenti sono pressappoco tutti uguali. Tra i tanti ho scelto uno da screenshottere che mi ha particolarmente stupito: l’autrice non solo li accusa ingiustamente di sponsorizzare i combattimenti fra cani (quando in realtà è lei che fraintende), ma li accusa anche ingiustamente di rimuovere i suoi commenti (quando invece è lei che non sa che per visualizzarli è necessario selezionare l’opzione “post di altri”).


È insopportabile poi il tono di minaccia del blog Anche io Aspetto Questo Giorno dal quale estraggo:

La rete non dimentica e non perdona. E per rendersene conto basta dare un’occhiata alla pagina Facebook della Heineken. Il profilo della nota marca di birra è stato letteralmente preso d’assalto nelle ultime ore dagli utenti indignati. E il motivo è un’immagine di un combattimento tra cani, scattata un anno fa, in cui compaiono stendardi con il logo del brand. Come se la Heineken avesse sponsorizzato e appoggiato una pratica così cruenta…

[fonte]

Questo è esattamente lo stesso comportamento della caccia alle streghe: si accusava una donna innocente di cose impossibili e poi la si linciava.

È l’identico comportamento che assumono gli antivivisezionisti che guardano foto spacciate per sperimentazione animale ma che in realtà con la vera sperimentazione animale non hanno nulla a che vedere.

Per maggiori approfondimenti sulla vicenda, suggerisco l’articolo di Giornalettismo.


[MV]