Inneggiare alla Violenza



…uno dei massimi esponenti del pensiero di liberazione animale?

Ma bene! Sentiamo cosa ha da dire!



Trascrivo (ho apportato lievi correzioni rispetto ai sottotitoli che appaiono nel video in quanto mi sono accorto di alcune imprecisioni di traduzione), le intermissioni del testo, poste fra parentesi quadre, sono miei commenti:

Il movimento per i diritti animali è il più importante, dinamico e potente movimento sul pianeta già adesso. Se guardate tutti i movimenti per i diritti umani, dove sono ora? Dove sono le femministe? Dov’è il movimento per i diritti civili? Dove sono i pacifisti? Sono stati fatti tacere, sono stati messi ai margini, sono scomparsi, non esistono. Ma se chiedete dov’è il movimento per i diritti animali? È ovunque!
Per fermare la violenza e tragedie terribili, c’è bisogno di più che pregare per la pace.
Non è impossibile che questo movimento non evolva in qualcosa di simile all’IRA (esercito repubblicano irlandese), ricorrendo all’uso di vere tattiche di terrorismo. Tattiche di terrorismo vere!
[sorride compiaciuto] Non ciò che è stato usato finora, che non è terrorismo. Ricorrere ad autentiche tattiche terroristiche come il ferimento di un civile o di qualcuno coinvolto con la sperimentazione animale. Le conseguenze di questo a volte sono inevitabili. Nel caso in cui io debba scegliere tra proteggere un bambino ed il suo benessere e proteggere un animale in disagio, in tutti i casi, proteggerei l’animale. Le condizioni per la guerra si creano quando la ragione, la persuasione e il dialogo falliscono. Quando si crea un conflitto tra due parti e si trasforma in violenza. Nel XIX secolo negli USA ci fu una guerra civile per la questione della schiavitù [questa è la spiegazione scolastica, le ragioni storiche sono più complesse e di carattere economico]. Potrebbe esserci un giorno, durante il XXI secolo o più tardi, in cui ci sarà una guerra civile per i diritti animali [ne dubito, perché quando finirà il petrolio ci sarà una carestia così imponente che tutte le frivolezze scaturite dall’agiatezza occidentale, tra cui l’antispecismo, spariranno completamente].

Dunque questo è, come dice Occupay Green Hill, uno dei massimi esponenti del pensiero di liberazione animale… be’, direi che il movimento per la liberazione animale non ci fa una bella figura se i suoi più grandi rappresentati sono questi.

Piuttosto che soffermarmi sul testo del video, che si commenta da solo, vorrei ritornare sulla frase che capeggia sulla fotografia in alto. Asserire “quando la legge è sbagliata, la cosa giusta da fare è violarla”, non è forse istigazione a delinquere (reato)?

Pensare che “quando la legge è sbagliata, la cosa giusta da fare è violarla” è semplicemente assurdo perché è la giustificazione che qualunque criminale potrebbe adottare! Ad esempio: tua moglie ti tradisce? Secondo il tuo personale senso morale è giusto ucciderla? Bene, fallo! Tanto non sei tu ad essere in torto, è la legge ad essere sbagliata!

Chi è che decide se la legge è giusta o sbagliata? Gli animalisti? E perché gli animalisti sì e gli assassini di mogli no?

Se si ritiene che una legge sia ingiusta, allora un popolo che si dica civile si adopera per cambiarla per vie istituzionali.

Particolarmente ironico è constatare che la prevalenza degli animalisti che apprezza personaggi come Best, sostiene di apprezzare anche personaggi antitetici come Gandhi, il quale è l’emblema della non-violenza… ma che gli animalisti fossero affetti da bispensiero orwelliano, non è certo una novità!


[MV]

Annunci

35 thoughts on “Inneggiare alla Violenza

  1. L’apologia del terrorismo del tipo “Nel caso in cui io debba scegliere tra proteggere una persona ed il suo benessere e proteggere un animale in disaggio, in tutti i casi, proteggerei l’animale” è letteralmente delirante.

    Tuttavia, la tua lezione di civismo è fuori luogo. L’Italia è nata dalla Resistenza, che si ha infranto le leggi del fascismo per una ragione etica più alta. E anche l’IRA, citata a sproposito da questo coglione malato, ha portato avanti una lotta per motivi eticamente fondati.

    Mi piace

  2. Adesso riparte la sarabanda di “ma se ci fosse una legge razzista”.
    No. C’abbiamo una Costituzione, gli USA hanno una Costituzione, pure l’Inghilterra ha una costituzione (minuscola voluta), che proteggono da leggi razziste, contro le minoranze o particolarmente pericolose.
    Se una legge è costituzionale supera il minimo di correttezza per dover essere rispettata.
    Se fossimo in Corea del Nord, forse potremo porci il problema, ma se mia nonna avesse le rotelle sarebbe una carriola.. quindi, non date corda a questi pazzi!!
    ps attento che hai scritto “disaggio”

    Mi piace

    • Perchè non ti documenti un po’ e cerchi di scoprire cosa fanno le orche alle foche catturate? Te lo dico io: prima di mangiarle, se le tirano un po’ come se giocassero a palla. Adesso bisogna anche impedire alle orche di nutrirsi?
      Moltissimi predatori, poi, mangiano le loro prede ancora vive (o le smembrano ancora vive), se queste non sono torture… l’ambiente naturale non è quel bel posto felice e pieno di rispetto che certa propaganda cerca di far credere: è la cosa più selvaggia e violenta che esista.
      A quando un movimento per salvare le prede (poveri piccoli essere indifesi) dai loro violenti predatori naturali?

      Mi piace

      • Sono sinceramente imbarazzata, ho assistito un paio di anni fa ad una conferenza di Best e, nonostante i suoi toni all’epoca fossero un po’ più pacati, le poche voci di dissenso della platea erano state messe a tacere con una violenza che mi ha portata a prendere le distanze dal movimento.
        Possibile che nessun animalista intervenga per dissociarsi?
        Il numero di condivisioni e di demenziali “mi piace” è sconfortante… Alla fine hanno ragione i nostri oppositori allora… siamo dei trogloditi!
        Un solo commento, poco sopra, e solo per ripetere la litania delle torture?
        Ma per favore, un po’ di dignità lo dico io a tutti quelli che hanno a cuore la questione animale!

        Personalmente non credo neppure che, per rispondere, sia necessario ricordare la violenza della natura, verissima peraltro, se non ho frainteso nessuno, ma proprio nessuno, sta cercando di giustificare torture o violenze gratuite nè su umani nè su non umani.
        Compassione, e ragione, mitigano l’istinto di prevaricazione e ci permettono di vivere in società complesse collaborando, l’istinto di sopravvivenza ci permettere di non soccombere alla compassione lasciandoci distruggere, o almeno così dovrebbe essere.
        Tra gli esempi fatti, almeno per quanto riguarda la resistenza, per l’ira non mi sbilancio perchè conosco la cosa in modo superficiale, e la situazione attuale mi pare passi un’importante differenza: la possibilità di confronto.
        Se c’è un’apertura al dialogo inneggiare alla violenza è solo un modo facile per farsi osannare, per sentirsi eroi e martiri.

        Mi piace

  3. Prima di essere attaccato come animalista: sono un biologo che fa e approva la sperimentazione animale (senza quell’inciso politically correct sull ricerca biomedica perche’ e’ un non senso scientifico)

    Il ragionamento del fantomatico leader animalista e´perfettamente corretto dal punto di vista politico. Se le mediazioni legali falliscono non c’e’ altra via che la via violenta. La giustificazione della violenza contro un potere ingiusto ha una lunghissima tradizione e lo si trova non in rivoluzione ma nei padri dell liberlarismo moderno.

    Locke (no Marx o Bakunin) scirve: “That subjects, or foreigners attempting by force on the properties of any people, may be resisted with force, is agreed on all hands. But that magistrates doing the same thing, may be resisted, hath of late been denied: as if those who had the greatest privileges and advantages by the law, had thereby a power to break those laws, by which alone they were set in a better place than their brethren”

    Riccardo giustamente faceva notare che oggi in occidente viviamo in stati costituzionali con un controllo di costiuzionalita’ delle leggi ma nonostante questo per esempio Legge Fondamentale delle Repubblica Federale di Germania dice all’articolo 20:
    “Tutti i tedeschi hanno diritto alla resistenza contro chiunque intraprenda a rimuovere l’ordinamento vigente, se non sia possibile alcun altro rimedio.”

    Il punto non e’ che le teorie degli animalisti sono sbagliate e ingiuste!

    Mi piace

    • Simone, è abbastanza semplice in realtà: Best tutto sommato ha ragione, è onesto. Sono disposti a tutto per ottenere quello che vogliono, anche alla violenza. Questo la gente lo deve sapere, perché come la violenza resta l’unico mezzo dove la mediazione ha fallito, una violenza maggiore resta l’unico modo per rispondere alla violenza.
      Coloro che inneggiano a comportamenti criminali devono essere isolati e trattati come criminali.

      [OI]

      Mi piace

      • Inneggiare a comportamente criminali? giusto ma si deve fare molta attenzione a che cosa significa! In USA (non in Iran) fino al 2003 fare sesso tra uomini (adulti e consezienti si intende) era un crimine…questo vuol dire che secondo il tuo ragionamento in US tutto il movimento gay andava isolato e trattato come criminale…

        Mi piace

      • Secondo me rivendicare un diritto e volerne privare gli altri non sono la stessa cosa.
        Se il movimento gay avesse avuto come fine il privare gli eterosessuali del loro diritto ad esserlo, sì sarebbe stato giusto isolarlo come è giusto isolare tutti coloro che sono disposti alla violenza pur dimostrare la loro presunta sana superiorità sugli omosessuali.
        Noi animalisti possiamo esprimere la nostra idea, possiamo anche praticarla e diffonderla, ma non ci riesce poi molto, se qualcuno volesse obbligarci, con una legge, a venire meno ai nostri principi potremmo, e forse dovremmo, disubbidire e se volesse obbligarci con la violenza potremmo reagire, da qui a quello che dice Best passa una bella differenza.

        Mi piace

      • Simone riprende il ragionamento che avevo incominciato io qui sopra. Con queste argomentazioni destroidi e con un abuso della legge di Godwin vi state sputtanando. Tentate di rimanere su argomenti RAZIONALI.

        Mi piace

      • Sì, è naturale che se si ritiene davvero che un qualcosa sia “criminale” coloro che si occupano della sicurezza dello stato devono isolare e sradicare un tale comportamento. Coloro che quel sistema legale lo appoggiano, ovviamente, devono appoggiare anche il fatto che venga difeso con la forza.
        Si può combattere una legge “ingiusta”? Ma certo che si può, altroché! Si è sempre fatto! Ma vuol dire rinnegare la validità di una serie di principi: vuol dire che rinneghi lo strumento democratico (oppure la dittatura) che l’ha generata, rinneghi la via della negoziazione, a seconda della gravità dell’infrazione rinneghi addirittura la legittimità stessa dello stato in cui vivi. E non vuoi essere trattatato da criminale? Ma si spera che tu te l’aspetti, di essere trattato da criminale, di fatto, SEI un criminale! Se parcheggio in sosta vietata, come minimo mi aspetto una multa, non vado certo a dire al vigile che ero fermo lì per superiori ragioni morali.
        Un criminale è un nemico dello stato, dunque chi sostiene lo stato deve combatterlo. Altrimenti non si sostiene più lo stato, si va nella giustizia privata e in definitiva nell’anarchia. Vgliamo fare gli anarchici? vediamo se dopo che avrò riempito Best di mazzate perché ritengo ingiusta la legge che lo protegge gli piacerà ancora l’anarchia…
        Se non ti piace la legge emigri. Oppure cerchi di cambiarla. Oppure la infrangi. Nell’ultimo caso, se ti scoprono, ti tocca una punizione. Se così non fosse non potrebbe esistere nessuna legge.

        [OI]

        [OI]

        Mi piace

      • [OI]: “Coloro che inneggiano a comportamenti criminali devono essere isolati e trattati come criminali.”

        Non rigira a frittata con l’esempio stupido del divieto si sosta:
        Se violi la legge devi essere punito (per inciso: la disobbedienza civile, ovvero infrangere volontariamente la legge per subirne le conseguenze e’ uno stumento tipico di lotta politica…poi ovvio ci sono i parolai che dicono di voler campiare la legge e e la violano e poi scappano) ma te hai detto chi “innegia” e io ti ho fatto un chiarissimo esempio che dmostrano che se fosse stato per te questo mondo sarebbe veramente peggiore…ce ne sono molti altri: in Italoia seguendo il bellissimo modo di pensare fascista fare propaganda per l´aborto o per contraccezione era vietato!
        Ti riempi la bocca di democrazia ma il fondo e´fascista!

        Mi piace

      • Mai riempita la bocca di democrazia. Io sono un antidemocratico. Tuttavia sottostò alle leggi decise democraticamente e cerco di modificarle restando nell’ambito degli strumenti di protesta costituzionalmente garantiti. Questo ti dice nulla?

        [OI]

        Mi piace

      • “Si va nella giustizia privata e in definitiva nell’anarchia”… ma cosa stai dicendo? Disobbedire alle leggi ingiuste si può anche chiamare “RESISTENZA”, è stato un evento storico costituente dello Stato in cui vivi, e certo non è stato fatto solo da “anarchici”, ma anche da democristiani, azionisti, socialisti, comunisti, repubblicani… per difendere un principio etico devi argomentarlo razionalmente, non ti puoi semplicemente proteggere sotto la coperta del “è la legge che lo vuole”, perchè la legge è solo un costrutto umano… prego, ritornare nei ranghi se vuoi fare un favore alla Scienza.

        Mi piace

      • Non mi interessa fare un favore alla scienza, solo alla verità dei fatti. Nel momento in cui si ammette che le leggi possano essere infrante nel momento in cui siano “ingiuste” (secondo chi? Secondo te?) allora lo stato è delegittimato. Si può fare, si può delegittimare lo stato. Ma è chiaro che visto che ci viviamo tutti dentro e che la vita politica e democratica permea ognia spettod ella nostra vita, la possibilità di formalizzare un atto del genere dovrebbe essere considerata un eccezione RARISSIMA possibile solo in circostanze GRAVISSIME, quando siano stati violanti i cosiddetti diritti umani fondamentali, ovvero quelli senza i quali una società umana non potrebbe sopravvivere.

        PS: l’etica è un sistema normativo non diversamente dalla legge, un costrutto umano esattamente allo stesso livello.

        [OI]

        Mi piace

      • Resistenza un paio di balle.
        Il terrorismo è un modo per una minoranza di imporsi alla maggioranza (in un sistema democratico).
        In qualsiasi paese democratico, per cambiare una legge, è sufficiente raggiungere un consenso maggioritario ed agire attraverso i canali politici convenzionali. Certo ci vuole tempo, ma la violenza non è la risposta.

        E poi, per l’amor del cielo, non paragoniamo l’apologia del terrorismo con la disubbidienza civile, che è di per sé un atto passivo e non attivo (e soprattutto non violento)

        Mi piace

    • Ma le mediazioni legali non sono fallite, è proprio questo il punto!
      Forse sono imbecille ma non mi sembra proprio che la situazione sia rimasta la stessa di 50 o anche solo 20 anni fa, molti passi avanti sono stati fatti e molti altri possono essere compiuti.
      Il problema è che parlare di protezionismo significa fare la figura dell’ignavo, eh vuoi mettere, molto meglio dare una ragione ad un gruppo di frustrati per agire che cercare di far ragionare!
      In fondo distruggere è più facile e divertente che costruire e se poi una volta vinto non sappiamo come comportarci poco importa, troveremo sicuramente qualcuno che ci dica cosa farei e che custodisca la nostra illusione di purezza.
      E poi siamo seri, tutto questo accanimento sulla sperimentazione quando neppure siamo ancora riusciti a considerare del tutto il circo uno spettacolo degradante?
      Vorrei sapere chi o cosa determina le priorità, forse la riconoscibilità del nemico?
      Ovvio perchè se me la prendo con chi la carne la mangia sarei costretta ad aggredire anche mia nonna, ma potrei limitarmi a chi la vende, ma forse è più facile avere nella propria cerchia affettiva un macellaio che un ricercatore…
      Sì, i ricercatori vanno benissimo, il loro lavoro è sufficientemente lontano dalla quotidianità da spaventare, sono riconoscibili e possono essere fatti passare facilmente per dei privilegiati, tagliamo loro la testa! Che il primo civile ferito sia qualcuno che ha a che fare con la sperimentazione!
      Mi dispiace ma non vedo nessuna logica in tutto questo.

      Mi piace

      • “Mi dispiace ma non vedo nessuna logica in tutto questo.” e hai assolutamente ragione!
        Il problema è che questa gente non capisce una cosa fondamentale: il rispetto. Si possono rispettare le altre forme di vita anche facendo esperimenti o allevamenti. Io sono il primo a dire che sottoporre forme di vita a inutili sofferenze sia errato, ma se dovessi sviluppare una cura per una orrenda malattia, allora dovrei scegliere e secondo me è più importante curare i miei simili.
        La massa di scalmanati capitanati da questo qui commette il colossale errore di rispettare gli animali ma non rispettare affatto la vita umana, tanto che secondo loro è giusto fare attentati, sperimentare sui carcerati e altri orrori vari che si sono visti solo fra i nazisti. Quelle persone sono le prime a non voler dialogare.

        Mi piace

      • Quello che mi preoccupa è che continuando su questa linea non solo distruggeranno anni di mediazione e progressi ma innescheranno una spirale di violenze che non saranno poi in grado di arginare.
        Perchè quanto si può desumere anche dai commenti precedenti è che se le persone si sentiranno attaccate nei propri diritti, se la violenza, promessa o agita a me non importa, sarà il modo per costringerle ad agire in un certo modo reagiranno, e lo faranno con una violenza ancora maggiore, è nel loro diritto e lo faranno.
        Io continuerò a battermi per il benessere degli animali ma non troverò mai legittima questa condotta, e il compiacimeto di Best mi scandalizza, pensavo fosse impossibile e invece…

        Mi piace

      • La violenza attira altra violenza, è per questo che mai si dovrebbe arrivare a questo punto. Non esistono posizioni inconciliabili per chi è disposto ad ascoltare. Questo qua non lo è.

        Mi piace

      • Carlotta ti stimo tantissimo! Il punto e’ che molte persone partono dal presupposto che il mondo oggi fa schifo. Si respira aria avvelenata, si mangia schifezze, i poveri sono sempre piu’ poveri, ci sono sempre piu’ guerre e non ci sono piu’ le mezze stagioni. In questo contesto si aggiunge anche che si “trattano sempre peggio gli animali”. In tutti questi casi la soluzione proposta e’ sempre “distruggere tutto”. Perche’ le cose nel nostro sistema (nella loro concezione ovviamente) non possono che peggiorare. Pazienza se qualsiasi dato oggettivo gli racconta di un mondo che, pur con mille difetti e problemi innegabili, sta diventando un posto dove si vive piu’ a lungo, meglio, senza rischi per i bisogni primari e al limite dove c’e’ pure spazio per tutele prima impensabili (animali, ambiente, cultura, diversita’). No. Loro devono continuare a invocare “la guerra civile”, perche’ se prendessero le vie legali forse dovrebbero fermarsi a ragionare. E questo li spaventa

        Mi piace

    • Comunque da quello che citi la Costituzione tedesca dice “resistenza contro chi vuole rimuovere l’ordinamento vigente”, cioe’ nel nostro caso, resistenza contro gli animalisti che vogliono “sospendere l’ordinamento vigente” (giustificare la violenza) in nome di un bene per loro superiore.
      Ovvio che se qualcuno vuole impormi di ammazzare che ne so, gli ebrei o i gay, faccio resistenza. Ma proprio perche’ va contro il nostro ordinamento che obbliga al rispetto delle minoranze. Insomma, cerchiamo di essere pragmatici, non c’e’ oggi nei paesi occidentali un vero motivo per giustificare la violenza. Se arrivera’ un nuovo Mussolini (e ce ne sono tanti in giro..) ci porremo i problemi, di certo non va data corda a questi esaltati che si autoincensano superiori moralmente

      Mi piace

      • Caro Ric evidemente conosci poco la storia tedesca:
        Rimanendo in tema con l’esempio precedente il Tribunale costituzionale federale dichiaro che il paragrafo 175 del codice penale che aveva permesso a Hitler di depprtare e far morire di stenti un numero imprecisato di omosessuali maschi era perfettamente costituzionale e lo cosi tanto che e´rimasto in vigore fino agli anni 70. Ecco cosa era (non solo ovviamente) l’ordinamento che la costituzione vuole difendere!

        Mi piace

      • Non conoscevo no questa sentenza cosi’ ridicola. Beh se e’ per questo possiamo anche ricordare la vicenda vergognosa del “delitto d’onore” italiano. Rimane il fatto che vorrei portare tutti ad una maggiore pragmaticita’.
        I casi in cui l’azione violenta ha effettivamente senso sono proprio pochi: diritto alla vita o alla liberta’ personale seriamente in pericolo. Per tutto il resto le vie legali, in uno stato democratico e costituzionale, sono ampiamente percorribili. E se le cose non cambiano bisogna anche saper accettare di essere minoranza (forse e’ che sono in minoranza da quando sono nato ed ho accettato questo fatto fin da subito come naturale 😀 )

        Mi piace

  4. @carlotta
    La tua risposta mi fa tornare un pizzico di speranza riguardo al mio giudizio (pessimo!) nei confronti degli ‘animalari’. Fossero tutti come te non ci troveremmo in questa situazione. Eppure io credo che basti poco; come hai fatto tu, basta mantenere un po’ di razionalità. A quanto pare però, per determinate persone, non è così facile. Complimenti insomma, non è facile fare autocritica e mantenere un po’di umilità.

    Mi piace

    • Ti ringrazio, e, nonostante tutto, spero davvero che anche altri possano avere la voglia di mettersi in discussione e di aprirsi a un dialogo sicuramente più fruttuoso di queste prese di posizione, hai ragione basterebbe poco.

      Mi piace

      • Se tu sei disposta al dialogo, ne esistono sicuramente altri. Magari sono anche la maggioranza, ma gli estremisti non li ascoltano e li emarginano con metodi anche violenti. Ci vuole coraggio per andare contro la “setta”.

        Mi piace

      • Semplicemente Carlotta sei animalista, e non animalara.
        Credo che la maggior parte delle persone che scrivono qui nutrano affetto nei confronti degli animali.
        Personalmente sono a favore della SA, ma non ho problemi con chi vi si oppone purché civile e razionale.

        Mi piace

  5. non serve lo molto perchè la gente si allontani da certi elementi , io credo che basti chiedere ai suddetti come la pensano sullo shampoo contro i pidocchi e dopo sentita la risposta la gente prenderà subito le distanze, fisicamente ^^

    Mi piace

  6. Pingback: Peggio dei Testimoni di Geova! | In Difesa della Sperimentazione Animale

  7. La frase comunque non è di questo tale, è un sunto del pensiero (e della pratica) di Thoreau e Don Milani, che certo non erano terroristi o assassini. La disobbedienza civile è propositiva, non ha come unico scopo e motore la distruzione dello Stato o del sistema nella sua globalità. Anzi, serve a evidenziare ciò che talvolta lo Stato fa contro i suoi stessi principi basilari.
    Faccio un esempio.
    Mettiamo che domani Napolitano si svegli storto e dichiari guerra all’India per la questione dei marò. Mettiamo che su 100 fra soldati, ufficiali, tenenti ecc… 3 decidano di starsene a casa. Da una parte disobbediscono a quello che, per legge, è il loro capo supremo, ma dall’altra obbediscono alla Costituzione (che è superiore anche a PdR). Sarebbero criminali? No, in questo caso il criminale sarebbe il Presidente perché andrebbe a scavalcare la gerarchia delle leggi a suo piacimento.
    Questo fa la disobbedienza civile, per favore non confondetevi con pagliacciate tipo non pagare il canone RAI o con i dementi che mettono a ferro e fuoco Green Hill.

    Mi piace

  8. Pingback: I Terroristi pianificano un attentato all’Istituto Mario Negri? | In Difesa della Sperimentazione Animale

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...