Il Prof. Steven Best riceve un assaggio della sua stessa medicina… e non gli piace (traduzione)


tradotto da: http://speakingofresearch.com/2012/10/23/prof-steven-best-gets-a-taste-of-his-own-medicine-and-doesnt-like-it/ Prof. Steven Best gets a taste of his own medicine… and doesn’t like it (October 23, 2012 by  su Speaking of Research)

tutti I figli di p……a che faranno del male agli animali tremeranno!

Le parole sono estrapolate dal discorso  del  Dr. Steven Best, docente della Facoltà di Filosofia presso l’università di El Paso, in Texas, che trovate nel video qui sotto.

Dr. Steven Best: Every Motherfucker Who Hurts Animals is Gonna Feel the Fear

Tra i  “figli di p……a” lui intende per esempio  i medici e i ricercatori che cercano delle cure per malattie terribili come il Parkinson o  Alzheimer, gli allevatori degli animali da produzione, un giardiniere che mangia un sandwich con formaggio e prosciutto per pranzo.. .

Non sarà un segreto, comunque, l’obbiettivo finale del suo credo morale è molto più bramoso — “che questo mondo venga stravolto … e che la voce umana non possa  mai più essere sentita” così lui dichiara. Tali espressioni di profonda  rabbia nei confronti di sé e dell’umanità intera sono comunemente condivisi tra gli animalisti più estremisti.

Per diversi anni il professore di filosofia e cofondatore del” North American Animal Liberation Press Office”, agendo come un giustiziere per i diritti degli animali, fu molto conosciuto per il ricorso alla violenza nel tentativo di realizzare il suo obbiettivo di liberazione di tutti gli animali, obbiettivo spacciato per “difesa personale allargata” .

Best e i suoi compagni (o, preferibilmente  qualcun’altro che può essere condannato per il reato) hanno deciso che  sono giustificati a ricorrere alla violenza per impartire loro punto di vista sulla morale al resto della società. Per questi gruppi di persone l “omicidio giustificabile” diventa un metodo ammissibile per risolvere i conflitti morali.

E cosa pensa Best in merito alla legge?

Fanculo la legge. Quando la legge è sbagliata, la cosa giusta da fare è cancellarla”.

Ci sono tre punti da chiarire qui. In primo luogo, non sta semplicemente parlando di disobbedienza civile o danni materiali. “Che ogni figlio di puttana che fucila gli animali sia a sua volta fucilato; Che ad ogni figlio di puttana che avvelena gli animali sia iniettato un barile di acido solforico; Che ogni vivisettore fottuto sia  vivisezionato e  il suo cadavere sia gettato via come la merda che  è”. Questo è quello che ha scritto nel 2011.

In secondo luogo, sembra la proprio che il professore sia l’unico che possa decidere se la legge sia sbagliata o meno (la società in realtà non avrebbe voce in merito).

In terzo luogo, Best  si arroga  il diritto di impadronirsi della legge. Ad esempio, è stato riportato che:

Nel mese di aprile del 2010, ha pubblicato su NIO un video dove voleva scontrarsi con un uomo, il quale si diceva catturasse i gatti che girovagavano nel suo cortile, per avvelenarli.. L’uomo non era in casa,c’erano invece la moglie e la piccola figlia alle quali Best ha detto. “Se sento che fa del male a dei gatti, ho intenzione di mettere a soqquadro  il suo ufficio, digli che avrò un migliaio di persone. Digli che Steve Best è stato qui, ricordati il mio nome.” Accanto al video Best ha postato la foto della madre e della bimba, assieme al numero di telefono dell’uomo.   Il giorno dopo, il professore ha ringraziato in un aggiornamento tutti coloro che hanno chiamato ed espresso la loro angoscia, per aver fatto sapere all’uomo che avvelena gatti che è tenuto sotto occhio.

I sui discorsi pieni di odio sono stati  giustamente notati dall’ UK’s Home Office, che ha posto il divieto a Best di  entrare in futuro nel Regno Unito, sono stati notati anche dalla Law Center Southern Poverty (SPLC), una delle più grandi organizzazioni no- profit dedicata alla lotta contro l’odio e fanatismo. Il SPLC recentemente ha pubblicato un articolo, dove si dichiara che le trattative tra Best e i gruppi animalisti estremisti sono chiuse. Il leader di questo gruppo, la signora Camille Marino, segue gli  insegnamenti del suo mentore quando  scrive ad un  professore dell’ UCLA (University of California, Los Angeles)  nei seguenti termini:

“Se  versi del sangue, il tuo sangue deve essere versato pure. Non giochiamo più. Noi pubblicheremo le tue informazioni private. E saremo a casa vostra. Saremo dove  lavori. Saremo presso il tuo  country club e  dove giochi a golf. Ci vediamo dove fai la  manicure e saremo in ginocchio accanto a te quando si fa la santa comunione la  Domenica. Se sarai nella mia strada , ci  pregherai  per la  misericordia.”

Il Prof. Best  non solo ha fornito la base ideologica per la campagna d’ odio della  Marino, ma come abbiamo imparato l’anno scorso, ha contribuito a finanziare la sua vessazioni nei confronti di ricercatori e studenti.

Steve Best apprezza chiaramente che siano fatte delle  vessazioni e intimidazioni…

Fino a quando gli stessi atti, che fino a poco fa elogiava,  non sono diretti contro lui stesso. In questo caso preferisce rifugiarsi sotto la protezione della legge.

Steve Best inAnimal Rights Activist vs Camille Marino”  ha scritto che Camille Marino “apparentemente ha una predilezione per ricatto, cyberstalking, molestie, minacce, intimidazioni e calunnie  ed  ha preso di mira un certo numero di persone importanti che considera nemici per il  movimento per i diritti degli animali Stati Uniti , me soprattutto” Nella petizione il dottor Best accusa abusi verbali, mentali ed emozionali e scrive

“Lei è pazza, lei ha fatto  questo ad altri, quindi non si fermerà a questo punto con me. Lei è un fatale, mi ha detto che non sarà da sola  e gusta il mio sangue, Lei è molto pericolosa e temo per la mia vita.”

E  aggiunge:

“Spero che si noti quanto poco questa donna consideri la legge, voglio che sia fatto ordine di fermare qualsiasi tentativo di contatto con me da parte sua,in qualsiasi modo, compreso il citare il mio nome in forum pubblici o su facebook. Spero che notiate quanto  poco rispetto per la legge, per i diritti e il rispetto degli altri abbia  questa donna […] Io sono un Prof. Dr. di UTEP e lei non può diffamare  il mio nome e minacciarmi. Vi prego, aiutami.”

Così alla fine il dottor  Best ottiene  un assaggio della sua stessa medicina … e non gli  piace.

E ora, supplica di essere aiutato dalla stessa società che odia e che vorrebbe  vedere distrutta.

Ma davvero?

 [tradotto da BO]
Annunci

20 thoughts on “Il Prof. Steven Best riceve un assaggio della sua stessa medicina… e non gli piace (traduzione)

  1. ” hanno deciso che sono giustificati a ricorrere alla violenza per impartire il loro punto di vista sulla morale al resto della società”
    Probabilmente sono convinti che la loro morale sia quella giusta per il bene dell’umanità. Su questo non ci piove!
    Adesso però cerchiamo di spiegare alle persone che è anche moralmente giusto usare degli esseri viventi per il bene di altri esseri viventi che, essendo più forti, hanno diritto (o forse, per meglio dire “potere”) sui più deboli.
    Se poi Steve Best e seguaci raggiungono un potere tale da imporre la loro morale al pianeta intero, ce ne staremo in silezio a subire. Anche perchè, se provassimo a fiatare ci farebbero secchi all’istante.
    In parole povere, la morale giusta è quella imposta dal potere.
    Sbaglio?

    Mi piace

    • “cerchiamo di spiegare alle persone che è anche moralmente giusto usare degli esseri viventi per il bene di altri esseri viventi”
      trovo più difficile spiegare alla gente che la loro vita vale meno di quella di un sorcio, poi quel coprolite di Best prima o poi avrà bisogno di curarsi per qualche patologia seria e noi saremo li a fargli notare da dove proviene il farmaco che prende ed a quel punto sarà arso vivo dai propri adepti 🙂

      Mi piace

      • Luca la gente pensa proprio che la vita di un sorcio non conta quanto la propria, ma la stessa gente è inorridita al solo suono della parola “vivisezione” ed allo stesso modo si raccapriccia quando vede un topo infilato in un tubo di plastica o anche semplicemente punto da una siringa. La cosa più divertente è che le persone comuni pensano di un ricercatore in camice bianco con un topo in mano alla stessa maniera in cui tu stai pensando a Steve Best. Il coprolite di cui parli usa tranquillamente l’anestesia quando si fa curare i denti o l’aspirina quando ha un forte dolore alla testa, così come tutti i suoi adepti che si guardano bene dal bruciarlo vivo. Piuttosto brucerebbero ben volentieri la casa di qualche ricercatore o di qualche pellicciaio. Se non sei daccordo con Best non è importante. Neanche lui è daccordo con te. Bisogna vedere cosa ne pensa la gente. Se la maggioranza la pensa come lui, il coprolite sei tu. Volevo solo far riflettere sul fatto che da una parte c’e’ un movimento che cerca di imporre il proprio pensiero alla massa mentre dall’altra c’e’ il vuoto assoluto. Chi difende la SA non ha neanche la metà degli adepti di un Best qualunque.

        Mi piace

  2. “In secondo luogo, sembra proprio che il professore sia l’unico che possa decidere se la legge sia sbagliata o meno (la società in realtà non avrebbe voce in merito)”
    Sacrosante parole che condivido.
    E cosa succede se la società, con voce di merito, decide per una legge che proibisce la SA?
    C’e’ questo rischio?

    Mi piace

    • Sono convinto che questo rischio non ci sia, non almeno in un futuro prossimo. Fortunatamente per quanto la nostra classe politica sia composta da una manica di sanguisughe sanno che proibire la SA sarebbe una mossa terribile che ammazzerebbe tutta la ricerca in campo medico/biologico/veterinario in Italia.

      Mi piace

      • Ottima risposta! Se non fosse che alla classe politica non glene frega una cippa lippa della ricerca medico/biologico/veterinaria e sopratutto non ne capisce un tubo. Alla classe politica piace invece accaparrarsi i voti dell’opinione pubblica. Probabilmente vi sarete resi conto i favorevoli alla SA sono una minoranza mentre molte persone sono contrarie alla Vivisezione (ho usato appositamente i due termini SA e Vivisezione). Ai politici interessano da una parte il consenso delle masse e dall’altro il rientro economico. Quindi sono attratti sia dal consenso degli antivivisezionisti che portano voti e seggi e sia dai rientri economici derivanti dal favorire chi trae grossi guadagni dall’uso commerciale della SA. Teniamo sempre bene in mente che la ricerca ha una ideologia filantropa ma una concretezza commerciale.

        Mi piace

    • ponendo per ipotesi che la legge venga modificata in sfavore della SA la situazione più probabile è che non appena un governante od un suo familiare vengano colpiti da una malattia incurabile la pressione mediatica a favore della SA diventerebbe tale da far cambiare opinione alla società.

      Mi piace

      • Sei arrivato al nocciolo della questione. C’e’ un potere che è in grado di muovere la pressione mediatica a proprio favore. Neanche tu ne sei immune, quindi chi ti dice che il potere non usi i ricercatori per i propri fini che, torno a ripetere, non sono fini filantropi? Faccio il solito esempio cretino: che bisogno c’e’ di fare ricerca e SA su un’ennesimo FANS piu o meno identico ad altri 20 già in circolazione se non per un fine prettamente commerciale? Quanto di commerciale c’e’ nella ricerca? Quanti soldi ci girano intorno? E a chi vanno in tasca visto che un ricercatore non si arricchisce di certo!

        Mi piace

      • Troppo spesso tendiamo per comodità a giustificare la sperimentazione animale con la ricerca di nuovi preparati medici che salvano la vita a milioni di persone al prezzo di qualche centinaio di animali ma secondo quella che è la mia opinione la conoscenza stessa della verità è un fine che giustifica ampiamente questa scelta.
        Dal mio punto di vista fra l’altro allevare delle cavie da usare nella sperimentazione animale non differisce dall’allevare animali ad uso alimentare dunque anche l’implicazione commerciale che tu sembri ritenere riprovevole a me sembra più che giustificata.

        Mi piace

    • Sai Roberto , la gente è inorridita anche da cose più normali come i macelli ma non per questo la maggioranza ritiene deprecabile mangiare carne o allevare gli animali ad uso alimentare , è sempre la solita minestra perchè poi portare le cose su un piano più razionale le rende più accettabili e comprensibili , riguardo poi alle incoerenze di Best sono le stesse che affliggono la stragrande maggioranza dei detrattori della SA ed ogni persona ragionevole dovrebbe notarle ed a vedere l’articolo di cui sopra sembra siano anche altri su posizioni opposte ad averle notate e sembra che coloro che seguono codesto personaggio abbiano già cominciato a mettere in pratica le sue idee su di lui in primis e che questo non gli piaccia un gran che.
      Diciamo poi che se una persona crede che gli asini volano non è detto che questi volino sul serio e se la maggioranza della popolazione pensa che gli asini volano, perchè convinti da suddetta persona, gli asini continueranno tranquillamente a camminare, di imbonitori e ciarlatani con enormi seguiti nella storia ce ne sono stati altri ed alcuni hanno fondato religioni e condotto stati , dovremmo batterci perchè questo non accada di nuovo dati i risultati ed è quello che io nel mio piccolo cerco di fare semplicemente cercando la verità.

      Mi piace

  3. Sinceramente, lascerei quell’essere al suo destino senza intervenire. Che possa patire le sofferenze che egli stesso ha inflitto agli altri in nome della sua “morale”. Non ho molta pietà per esseri di questo tipo, non mi va nemmeno di chiamarli persone.
    Tanti possono urlare a favore dei diritti degli animali, ma quanti sarebbero disposti a diventare dei carnefici, a sparare alla gente e a rinunciare a ogni forma di medicina? Pochissimi. Di conseguenza, è impossibile che il folle disegno di questo tizio evidentemente disturbato possa avverarsi.
    Domanda: ma negli U.S.A. hanno ancora i manicomi? Perchè credo sia il luogo più adatto a tale personalità. E’ una vergogna che gli sia permesso di infestare una università.

    Mi piace

    • Proprio lo stesso atteggiamento che si legge nei post degli animalari del tipo: “Spero che i vostri figli soffrano come soffrono gli animali che vivisezionate!” “Nessuna pietà per i vivisettori!” “Sadici, Assassini!”
      Poi non ci mettiamo a criticarli questi atteggiamenti se non siamo in grado noi stessi di fare diversamente!

      Mi piace

      • Secondo me invece c’è una certa differenza. Prima di tutto io non avrei mai augurato a qualcuno di subire ciò che ha subito/sta subendo lui, semplicemente gli esaltati non possono capire il male che fanno agli altri perchè per loro nulla è più importante del fine ultimo. Quindi l’unica speranza che siano più ragionevoli è sperare che sperimentino sulla loro stessa pelle il male che fanno agli altri.
        Un’altra sostanziale differenza sta nel fatto che i riceratori non fanno esperimenti per sadismo e non hanno la volontà di fare male alla cavia, mentre best e colleghi hanno la volontà e il desiderio di fare del male a chiunque non la pensi come loro.
        Quindi, in definitiva, non mi sento affatto in un “simil-animalaro” se non perdo il sonno per il signor best che sperimenta una parte del male che egli stesso ha creato, perchè spero che capisca dove sbaglia (speranza vana, lo so).

        Mi piace

  4. Purtroppo a pensarla come questo tizio sono in parecchi ed è uno dei motivi per cui gli autori degli articoli presenti su questo sito si firmano con le iniziali. Questi tizi sono considerati a tutti gli effetti dei terroristi e sono interdetti da diversi paesi. Di contro, almeno fin’ora non si è mai sentito parlare di casi di violenza perpretata direttamente su qualcuno, bensi di danni causati al patrimonio, che in genere è rappresentato da beni immobili ed animali (ebbene si, liberare animali in gabbia è considerato danno patrimoniale in quanto gli animali non sono legislativamente degli esseri viventi ma dei beni strumentali). Lo stesso Best, come riportato nell’articolo, si è limitato a minacciare una persona che era solita spargere cibo avvelenato nel quartiere ( e sulla sanità mentale di quest’ultimo ho gli stessi identici dubbi). Che la violenza generi violenza è un dato di fatto al di là dei buoni propositi idealistici. Riguardo il pensiero di Best invece mi asterrei dal dare giudizi in quanto non è il mio campo e non sarei in grado di dibbattere con un filosofo così come non sono in grado di farlo con un biologo. Di sicuro non approvo la violenza da qualsiasi parte provenga, quindi non approvo quella di Best, quella degli animalari, quella (eventuale) dei ricercatori e tantomeno quella che tu stai cercando in malo modo di nascondere dietro una non precisata speranza che il male causato da Best gli si ritorca contro. Secondo il mio punto di vista, per esempio, sperare che un’assassino venga a sua volta assassinato è un modo di pensare un tantino sbagliato. In certi paesi questo pensiero viene applicato nella pratica e si chiama “legge del taglione”. In molti degli Stati Uniti si chiama “pena di morte”

    Mi piace

    • Qui nessuno augura il male a lui, e ben lungi dall’applicare la legge del taglione.
      Il discorso è diverso, per farti un esempio una delle massime su cui si basa la mia condotta di vita è “Non fare agli altri ciò che non vorresti fosse fatto a te”: io, che ho la mente sgombra da ogni fanatismo, riesco a immedesimarmi nei panni delle altre persone e riesco a valutare cosa vorrei non mi venisse fatto. Quest’uomo, che ha la mente ottenebrata da questa sua visione teozoica-misantropica del mondo, invece non è in grado di capire cosa sta facendo agli altri, ed è giusto che assaggi un po’ della sua stessa medicina, non si sa mai che capisca che lui si sta comportando male…

      Mi piace

      • Io non nascondo un bel niente. Come può capire che sta sbagliando se non prova sulla sua stessa pelle le conseguenze delle sue azioni?
        Non mi sembra di essere violento.

        Mi piace

  5. I know this if off topic but I’m looking into starting my own blog and was wondering
    what all is required to get set up? I’m assuming having a blog like yours would cost a pretty penny?
    I’m not very internet savvy so I’m not 100% positive. Any tips or advice would be greatly appreciated.
    Kudos

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...