Splendidi Sorrisi

Ieri (1 Giugno 2013) a Milano, si è svolta con successo la Manifestazione Animali & Ricerca insieme per la Vita organizzata dall’associazione Pro-Test Italia e alla quale hanno aderito sigle prestigiose del panorama scientifico internazionale come L’Istituto Mario Negri e l’inglese Speaking of Research. Vi ha partecipato anche la nostra comunità virtuale, ormai nota come Resistenza Razionalista, unitamente ai nostri stimati amici di OMG!Science, nonché ad esponenti di Federfauna.

Delle immagini della manifestazione, ciò che colpisce è la purezza espressa dai volti e l’entusiasmo che traspare dai sorrisi.

Eccoli qui i “sadici vivisettori”… vi sembrano persone cattive? Hanno dei volti e delle espressioni sadiche? Come ve li immaginavate? La propaganda animalista li descrive come mostri assetati di sangue che guadagnano montagne di soldi torturando animali.

Provate inoltre a confrontare queste facce pulite con quelle degli animalisti che hanno cercato di ostacolare la manifestazione (fortunatamente trattenuti dalle forze dell’ordine).

Chi sorride in questo modo, non può che essere a posto con la propria coscienza.

Il giovane entusiasmo della nuova generazione di scienziati, la ricchezza più grande e preziosa che una nazione possa avere!

Da notare inoltre che le ragazze ritratte nella fotografia qui in alto, hanno reagito con nobile umorismo (si veda le magliette) a chi grida cori di “ASSASSINI ASSASSINI”.

Conservano il sorriso malgrado la persecuzione psicologica che sono costrette a subire, poiché colpevoli di aver scelto una professione, quella del ricercatore, che non porta benefici economici personali, ma che allevia la sofferenza e salva la vita di tante persone (e anche degli animali, giacché è bene rammentare che le cure veterinarie provengono dalla sperimentazione animale).

La prepotenza degli animalisti delinquenti, che lo scorso Aprile hanno vandalizzato e saccheggiato i laboratori di farmacologia dell’università di Milano, distruggendo anni di dure e costose ricerche di cure per terribili malattie, non sono riuscite a smorzare l’entusiasmo dei manifestanti.

Alla violenza degli animalisti intenzionati ad aggredire fisicamente i ricercatori e che, bloccati da una squadra di carabinieri in tenuta antisommossa, hanno comunque cercato di impedire la manifestazione, lanciando fumogeni ed urlando nei megafoni in modo da sovrastare i discorsi tenuti dai relatori, i ricercatori e gli studenti aspiranti tali, hanno reagito pacificamente, con calma esemplare.

La loro risposta è stata il sorriso.

Nella foto qui in basso, alcuni soci di Pro-Test Italia.

I ragazzi di OMG!Science hanno distribuito volantini informativi ai passanti.

100

I manifestanti hanno colorato Milano di palloncini turchese!

Ma soprattutto, Milano è stata onorata dal pensiero scientifico e razionale.


Seguono le foto dei relatori intervenuti.


Tom Holder del comitato scientifico inglese Speaking of Research


Giuliano Grignaschi dell’Istituto di Ricerca Mario Negri


45

Alessandro Papale, ricercatore del San Raffaele


Nadia Malavasi, presidentessa dell’Associazione Vittime del Talidomide


Daria Giovannoni, presidentessa di Pro-Test Italia


Dario Padovan, biologo del comitato scientifico di Pro-Test Italia


Marco Delli Zotti, medico del comitato scientifico di Pro-Test Italia


Alberto Ferrari, neurobiologo del comitato scientifico di Pro-Test Italia


Ed infine il Dottor Grignaschi, in veste di ambasciatore della Basel Declaration Society, ha consegnato alla Dottoressa Chini dell’Università di Farmacologia di Milano, le cui ricerche sono state vanificate dal vandalismo animalista dello scorso Aprile, le 5671 firme raccolte dalla comunità scientifica in segno di solidarietà.


Si ringrazia Alice, Lorenzo e Antonello per le fotografie.


[MV]





Aggiungo i seguente screenshot giusto per far notare la contrapposizione tra come la propaganda animalista descrive i ricercatori e come realmente sono.

propaganda contro ricercatori

propaganda animalista





I media italiani, proverbialmente schierati dalla parte degli animalisti, non hanno dato alla manifestazione l’attenzione che merita. Mi risulta che le uniche testate che ne hanno parlato siano quelle di seguito elencate.

Giornali che hanno preannunciato la Manifestazione:

Giornali che hanno menzionato la Manifestazione


Come potete osservare, i giornali hanno enfatizzato i tafferugli provocati dagli animalisti, senza precisare a mio avviso che gli attacchi provenivano esclusivamente dagli animalisti, piuttosto di entrare nel merito della manifestazione e dei suoi propositi. Una disamina su tali scorrettezze giornalistiche potete leggerla su Prometeus .

In compenso, le più autorevoli riviste scientifiche mondiali hanno pubblicato articoli di elogio:




Alcune testimonianza dei partecipanti

Sono appena tornato dalla manifestazione di Milano.
Un successone!

Tanti spunti interessanti, tanta vera informazione, oratori bravissimi e tanta gente, tanti ragazzi intelligenti con voglia di capire e, soprattutto, di far capire!
Persone che non sono disposte ad abbassare la testa davanti all’ignoranza degli animalisti che, privi come al soliti di argomenti, non hanno saputo fa altro che insultare, manifestando tutta la loro violenza, oggi per fortuna solo verbale.

C’è che dice che la manifestazione di oggi sia un segnale di speranza ma io credo che sia di più, è già un qualcosa di estremamente concreto. Questo evento, al di là delle ripercussioni che avrà sull’opinione pubblica, ci ha fatto capire, grazie al successo ed al seguito raccolto, che noi, la gente che vuole ragionare e che vuole capire, siamo la maggioranza.
E, inevitabilmente, la maggioranza razionale avrà la meglio su quei pochi che, nella loro ignoranza, portano avanti idee totalmente prive di fondamento, ridicole e dannose per la salute pubblica, degli uomini e, nonostante non lo capiscano, degli animali.

Noi difendiamo la ricerca! Noi difendiamo la vita!

[AT]


Un ringraziamento a tutti i giovani ricercatori che ieri hanno fatto sentire la propria voce in favore della ricerca a fini biomedici.
Finalmente qualcuno ha il coraggio di scendere per le strade e difendere le proprie convinzioni, di farsi ascoltare e di divulgare il proprio messaggio a coloro che sono a digiuno di scienza.
La manifestazione di ieri, organizzata da Pro-test Italia e da Federfauna, è stata fantastica e per la prima volta siamo riusciti a dare un messaggio chiaro e coinciso: la ricerca non può e non deve essere fermata.
Vedere tanti giovani, studiosi e preparati mi ha commossa. Vedere la loro passione, sentire le loro convinzioni e il loro coraggio mi ha convinta di una cosa: in Italia può esserci ancora speranza.
Non possiamo permettere che gruppi estremisti rovinino anni di studi, intralcino i lavori dei ricercatori, poiché tali azioni porterebbero unicamente avere conseguenze negative, sia per la salute umana sia per quella animale.
Ieri abbiamo visto chi porta i dati, chi è preparato, chi studia e soprattutto chi è incivile, chi urla e chi, per le proprie false convinzioni, non ha voglia di ascoltare e confrontarsi in modo pacifico.
Gli animalisti hanno fatto valere le loro ragioni unicamente a suon di insulti.
Ringrazio i relatori che ieri hanno parlato, che non si sono fatti scrupoli per ricordarci come la maggior parte delle scoperte scientifiche siano state scoperte e sperimentate tramite il modello animale, purtroppo ancora essenziale.
Un ringraziamento alla Dott.ssa Nadia Malavasi dell’associazione T.A.I Onlus, donna forte e preparata, che ha saputo ricordarci che si può sempre essere dalla parte della scienza.
Ringrazio Pro-Test Italia per avermi aiutata ad essere più forte e convinta delle mie posizioni, per avermi fatto capire che si può sempre dire BASTA all’ignoranza. Sono felice di far parte di questa associazione e di lottare con persone di grande valore culturale e umano che non si arrendono di fronte a nessuno, ma che sono pronte a rischiare e combattere in modo pacifico, con caparbietà e con l’unico strumento utile: la cultura.
Ogni persona, che come me, non viene da un ambito scientifico può superare i propri pregiudizi e riuscire a comprendere l’importanza della scienza in modo tale da diventare un veicolo di informazione e non di disinformazione.
Trovo anche opportuno e fondamentale che Pro-Test abbia presentato un esposto verso gli animalisti coinvolti nell’irruzione allo stabulario della facoltà di Farmacologia dell’Università Statale di Milano.
Il danno recato da questi personaggi non può essere stimato unicamente in termici economici, in quanto dobbiamo considerare in primis le persone malate che avrebbero potuto beneficiare di future cure.

Grazie mille ragazzi.

P.S: Un ringraziamento anche alla pagina A Favore della Sperimentazione Animale, sia per l’opera divulgativa, sia per avermi aiutata a ridurre alcuni dubbi sulla sperimentazione animale.

[CF]


Segnalo inoltre una cronaca concisa ed emozionante a cura di Luciano Giacò.



Ultimo aggiornamento: 6 Giugno 2013, ore 15:00.

Annunci