Nuova censura per “A Favore della Sperimentazione Animale”.


In data Venerdì 5 Luglio Facebook ha disabilitato una delle pagine italiane di riferimento per i sostenitori della sperimentazione animale, “A Favore della Sperimentazione Animale”, giustificando la sospensione sulla base di una segnalazione per “nudità” all’interno della pagina. Inutile dire che non c’era alcuna nudità, eccetto la foto in copertina di un Heterocephalus glaber, la cosiddetta “talpa nuda“.

heterocephalus

Non è la prima volta che gruppi di facinorosi “leoni da tastiera” si organizzano per segnalare in massa le pagine a loro sgradite con false accuse, al fine di ottenerne il blocco, anche solo temporaneo. Il problema dunque è che il sistema con cui Facebook gestisce le segnalazioni per violazioni delle regole della comunità evidentemente ha delle falle che consentono a questo tipo di comportamenti autoritari e fascisti di ottenere dei risultati.

È mai possibile che non ci sia alcun sistema di controllo per evitare che si verifichino episodi del genere? Possibile che basti che una pagina sia sommersa giornalmente da false e faziose segnalazioni perché debba prima o poi soccombere alla potenza di fuoco di masse di violenti?

Indubbiamente Facebook, il social network più diffuso nel mondo, ha delle policy interne per evitare l’anarchia totale ma, superati il miliardo di utenti, forse deve iniziare a porsi il problema della difesa della libertà di espressione. Dovrebbe aumentare le tutele nei confronti di quelle opinioni lecite, ma talvolta scomode, contro gli attacchi organizzati di chi vuole antidemocraticamente, metterle a tacere, e potrebbe farlo rendendo più complicato il processo semi-automatico di sospensione e chiusura delle loro pagine.
Se ciò non avviene, il rischio è di ricadere nella legge del più forte, una situazione in cui è sufficiente smuovere una massa di segnalatori di professione adeguatamente addestrati per mettere a tacere a suon di segnalazioni tutte le opinioni che si trovano sgradite. Ci sono pagine facebook che sono niente di più che contenitori che invitano i propri followers a segnalare altre pagine, e altre ancora che pur non avendo come scopo solo la segnalazione, periodicamente invitano i propri utenti a colpire questo o quell’ “avversario”; possibile che questa pagine e la loro torma di selvaggi segnalatori a vuoto non rischino sanzioni per avere intasato inutilmente le caselle di segnalazione e aver limitato la libertà di parola su facebook? È possibile che singoli utenti in 20 secondi possano distruggere il lavoro di anni, e se si scopre che la segnalazione è falsa non rischino nulla?

Il mondo sta diventando sempre più virtuale, gli account e le pagine nei social network sempre più importanti nella comunicazione, e la tutela della libertà di parola nelle piattaforme online dovrebbe tenere il passo con questa evoluzione. Altrimenti tutte le belle parole sulla “rete libera” rischiano di restare solo quello: tante belle parole.

Post Scriptum: cosa si può fare per farla riaprire.

1) Segnalazione a Facebook.
In alto a destra vedete una rotellina, si apre una finestra, in basso l’ultima voce è ” centro di assistenza”, cliccatelo; andate su “segnala un problema e segnalate l’accaduto. Nessun testo preconfezionato, qui non si tratta di mailboming per gente che non è in grado di formulare una frase con la propria testa.

– fate attenzione a scrivere bene il nome ufficiale delle pagina (maiuscole comprese): “A Favore della Sperimentazione Animale” nella segnalazione
– se aggiungete il link: “https://www.facebook.com/pages/A-Favore-della-Sperimentazione-Animale/199124936795298?ref=ts&fref=ts”
Se tentate di postare il link sopra completo (cioè con il codice numerico come parte dell’url) sulla vostra bacheca o anche in un commento (anche qui) vi segnala che non potete postarlo perché è bloccato e vi permette di andare direttamente a una pagina di segnalazione dedicata (cliccando su “comunicacelo” in fondo al messaggio che compare), basta a quel punto indicare che volevate condividere un link a una pagina, mettere quell’url completa nel campo apposito e spiegare la situazione.

2) Potete anche aumentare il rating di questa domanda in italianohttps://www.facebook.com/help/community/question/?id=10201158732865780&referer=related

e questa in inglese
https://www.facebook.com/help/community/question/?id=10151744339637177&added

[OI]

Annunci

6 thoughts on “Nuova censura per “A Favore della Sperimentazione Animale”.

  1. Ho inviato la segnalazione.
    Probabilmente la pagina ha subito un attacco di segnalazioni in massa, quindi è stata automaticamente eliminata dal sistema automatico. Tra l’altro c’era anche il fine settimana di mezzo, spero che ora si mettano al lavoro per leggere le nostre segnalazioni.
    Forza ragazzi!

    Mi piace

  2. Ho segnalato l’accaduto a facebook come suggerite, spero tanto la riaprano…vi seguivo sempre, mi avete aperto gli occhi e la mente. Vi giuro, questo fatto mi ha totalmente demoralizzata.

    Mi piace

  3. Ho segnalato e aumentato il rating,
    coraggio ragazzi! Nel frattempo condivideremo su twitter e facebook qualunque intervento postato su questo blog…

    Mi piace

  4. Io sono a favore della sperimentazione animale se finalizzata alla ricerca medica perché tutti noi e sopratutto i nostri cari hanno bisogno o possono aver bisogno della ricerca.
    Il fatto che alcuni gruppi di facinorosi, con l’appoggio dei giornalastri e il sommo gaudio di tutte quelle industrie straniere (che hanno tutto l’interesse a vedere il nostro povero Paese sempre più schiavo di tutti), possano oscurare liberamente una pagina di divulgazione scientifica seria, solo perché a loro sgradita, la dice lunga sul livello di libertà che ci attende nel caso i seguaci del nuovo medio evo dovessero prevalere.
    Naturalmente il discorso è molto più ampio e riguarda tutti gli aspetti della cultura razionalista di cui dovrebbero essere permeati tutti coloro che ha a cuore il progresso ed il benessere della nostra società
    AIUTIAMO I REDATTORI DELLA PAGINA
    Perché come ha detto qualcuno:
    la libertà non è uno spazio libero
    la libertà è partecipazione.
    FORZA RAGAZZI!

    Mi piace

  5. Pingback: Fanatismo animalista e democrazia sulla rete sono agli antipodi | The Lightblue Ribbon

  6. Vivisezionatevi tra di voi, miserabili, magari dopo esservi piantati nel cervello a vicenda elettrodi vari (tanto non fanno male, no?), esservi siringati con centinaia di iniezioni di sostanze cancerogene, imbracati dentro camicie di forza di plastica e magari con scosse elettriche ai vari organi per vedere cosa succede, e poi alla fine quando sarete stufi di soffrire atroci dolori sparatevi un colpo in testa…per il bene dell’umanità e del mondo animale nel quale voi non siete degni di vivere.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...