Come Indottrinare i Bambini

L’indottrinamento è più semplice ed efficace se condotto sulle menti dei bambini, prima che maturino la razionalità ed il senso critico necessario ad opporsi al plagio.

Non è un caso che, praticamente ogni associazione animalista, disponga di un apposito programma per le scuole elementari. Tali associazioni, con il permesso di presidi compiacenti, organizzano lezioni e distribuiscono opuscoli.

In questo post vi mostriamo uno degli opuscoli di AgireOra.

Indottrinamento - 01

Indottrinamento - 02

Indottrinamento - 03

NB: “animali non umani” è una locuzione introdotta nel 1975 dal “filosofo” Peter Singer nel suo saggio Liberazione Animale (diventato il testo sacro dell’antispecismo), allo scopo di rimarcare il fatto che l’uomo è un animale (come se gli animali tra loro non si ammazzassero).

Indottrinamento - 04

Indottrinamento - 05

Indottrinamento - 06

Indottrinamento - 07

Indottrinamento - 08

Indottrinamento - 09

Indottrinamento - 10

Indottrinamento - 11

Indottrinamento - 12


Il nome di una delle autrici dei testi dell’opuscolo non ci è nuovo.
Questa donna pretende di dare lezioni di etica ai bambini.

Condannata militante antivivisezione – Scritte, insulti e telefonate notturne ai dipendenti della Rbm – L’attivista aveva aperto un sito in cui diffondeva nomi, cognomi e indirizzi […] Le telefonate arrivavano nel cuore della notte. E poi c’erano i volantini, i fax con insulti e minacce, i pacchi regalo mandati a casa delle persone prese di mira. Vittime di questa vera e propria persecuzione erano stati 12 ricercatori della Rbm […] L’accusa? Diffamazione: utilizzando il sito internet da lei stessa diretto e nel quale figurava un link che riportava ad un provider americano e su cui erano stati diffusi nomi e cognomi, con tanto di indirizzo e numeri telefonici delle persone da intimidire […] I dipendenti dell’azienda […] erano stati al centro di una vera e propria persecuzione. Attraverso il sito americano su cui comparivano tutti i dettagli sulla loro identità e su dove vivevano, era facile poterli contattare. Non solo: sul sito venivano anche dati suggerimenti sui metodi da utilizzare per terrorizzarli e intimidirli. Così, per mesi, i ricercatori furono oggetto di telefonate minatorie nel cuore della notte, ricevettero pacchi mai ordinati, fax con minacce e insulti di vario genere, volantini. «Vivevano nel terrore, c’era chi aveva addirittura paura ad uscire di casa», spiegano i legali de ricercatori presi di mira.

Per leggere la notizia integrale clicca qui.

Ma sentiamo cosa ha da dire lei stessa (dottoressa in cosa?) su Youtube.


[MV]