Il Difficile ruolo del Giornalista


Fare il giornalista non è assolutamente una cosa semplice: bisogna usare un linguaggio corretto, essere obiettivi e saper raccontare qualcosa di interesse pubblico nel modo migliore.
Questo non basta quando si affrontano argomenti molto delicati e al contempo importanti come il tema della sperimentazione animale.

Limitarsi a raccontare fatti di cronaca, senza scendere nel merito delle questioni prettamente scientifiche, può comunque risultare sgradito (soprattutto alle pagine Facebook che inneggiano alla violenza).

Image

Persino essere obiettivi ed imparziali dando lo stesso spazio alle due controparti può  suscitare delle reazioni poco piacevoli da parte dei fanatici.
Oggi il lettore ha acquisito un potere maggiore rispetto al passato, è un lettore attivo, alcuni lettori attivi sono attivisti è per questo che, per il giornalista,  fare il proprio mestiere può significare muoversi in un campo minato.

Tutti questi limiti possono indurre il giornalista ad autocensurarsi per timore di insinuare, di diffamare e quindi essere querelato, di essere diffamato e di essere minacciato di morte dai fondamentalisti.

Proprio queste paure possono portare i giornalisti a non adempiere appieno al proprio ruolo o ad omologarsi al pensiero dominante, ciò limiterebbe sicuramente di gran lunga i rischi ,ma a farne le spese sarebbe chi legge e ascolta e in ultima istanza gli stessi giornalisti, sia in veste di lavoratori (poiché perderebbe di significato il loro ruolo nella società), che di cittadini:

In democrazia esiste il rischio che le cattive decisioni prevalgano sulle buone decisioni quando maggiormente condivise. Tale debolezza è superabile soltanto fornendo al cittadino un’informazione corretta e completa, poiché il presupposto di una scelta consapevole è la conoscenza obiettiva.  [M.V.]

Sebbene riteniamo che la scienza non sia democratica,

La scienza non è democratica. Se l’intera umanità votasse a favore della teoria della Terra piatta, la Terra rimarrebbe comunque tonda (o meglio “geoidale” per i più pignoli). [M.V.]

crediamo che i giornalisti abbiano il compito di fornire quanto meno un’informazione equilibrata e reale, ritagliando sempre uno spazio per la parola degli esperti, poiché riteniamo che la maggior parte della gente, una volta che ha in mano gli elementi giusti, sia in grado di compiere una scelta cosciente e non viziata.

<< Quando è che uno fa una scelta libera?
Quando conosce.
Quando c’è la conoscenza.
Sono la scienza e la conoscenza che ti danno la libertà >>
M. de Luca (8 giugno 2013 – giornata nazionale per la corretta informazione scientifica – Bologna )

Image

Le parole possono avere un potere enorme, quando sono le parole giuste al momento giusto”:

L’uso stesso del termine inappropriato “vivisezione”, in riferimento alla totalità della sperimentazione animale, ha lo scopo di suscitare una risposta emotiva in quanto evoca immagini cruente.

Il fatto di abbandonare il termine fuorviante “vivisezione”, per impiegare il termine più corretto “sperimentazione animale”. è un grandissimo passo avanti: invitiamo tutti i giornalisti a fare altrettanto per aumentare l’obiettività dei servizi presentati.

Di seguito riportiamo degli screenshot che testimoniano il comportamento di fanatici animalisti che accusano i giornalisti (i quali hanno svolto egregiamente il loro dovere) sbizzarrendosi in simpatiche trame complottiste (suggerisco la lettura dell’articolo: Le “Prove” di chi Non ha Prove: Viaggio nella Complotto-Mania Animalista ).

Image

Image

Image
Il Partito Animalista Europeo accusa in questo articolo la giornalista Roberta Badaloni  e la RAI di essere corrotte dalle lobby farmaceutiche. Invito a leggere i commenti dell’articolo.
Esprimiamo massima solidarietà alla giornalista che ha fornito in realtà un servizio equilibrato, lasciando lo spazio ad entrambe le parti, come potete appurare guardando questo video (dopo il minuto 29). Se non funziona il link c’è questo video.

 

Concludiamo con l’appello ai giornalisti della Dr. Elisabetta Dejana direttore dell’unità IFOM del Laboratorio di Biologia Vascolare – 30 novembre, Conferenza “Io Sto con il Mario Negri”

“sono contenta che ci siano i giornalisti perché a questo punto passo la palla a loro , c’è stata una manifestazione a Roma con 400 persone, non c’è stata neanche una riga, su nessun giornale,come mai? Perché non è un argomento popolare. Quindi chiedo ai giornalisti di darci una mano. Dateci una mano. no sondaggi e risulta che la maggior parte della gente è indignata a sentire parlare i ricercatori.

Io sono convinta che la maggior  parte della gente, una volta che gli si da in mano gli elementi giusti, sia dalla nostra parte, assolutamente

Noi siamo  noiosi quando parliamo, noi siamo legati al dato, alla tabella, al grafico, non abbiamo la stessa incisività.

Voi siete il vero “trait d’union” tra i ricercatori con le loro ragioni e la gente, voi conoscete il linguaggio più comune, voi riuscite a trovare similitudini ed esempi che ci aiuterebbero tantissimo, secondo me dobbiamo veramente lavorare insieme su questa direzione.”

[B.O.]

Annunci

3 thoughts on “Il Difficile ruolo del Giornalista

  1. Ho visto cosa ne pensano.
    Per loro il servizio del TG3 è migliore ed imparziale perchè parla solo di loro.
    Per loro il servizio del TG1 è peggiore perchè visto che ha parlato di tutti e 2, credono che sia di parte.

    Mi piace

  2. finalmente una visione equilibrata…questo non lo si puo’ affermare per le reti mediaset che continuamente ci propinano veri e propri spot elettorali per la brambilla ed il suo movimento..

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...