Strani tipi rattocentrici.


Ecco, alcuni hanno fatto questa domanda: chi è [RV]? Devo rispondere!

[RV] è Ratto Vittorio. Un personaggio ispirato da una storiella raccontatata qualche mese fa su una pagina di FaceBook.

Ora sono riuscito a contattare l’autore (che non è più su FB) e ad avere il permesso di pubblicarla… eccola 🙂 [RV]

———

A volte succedono cose strane.foto di ratto

L’altro ieri mattina, alle sei e mezza, entrando in istituto ho visto un grosso ratto pasciuto che faceva capolino da un cespuglio. L’ho chiamato per fargli una foto ma lui prima mi ha guardato perplesso e poi si è infrattato.

Preciso dunque che la foto non è la sua ma di repertorio (prima che qualcuno mi accusi di aver usato una foto falsa 😛 ).

La cosa strana è che poi stanotte me lo sono sognato! E l’infame nel sogno anzitutto parlava, il che già è strano, ma quel che è peggio è che parlava con la voce di Vittorio Sgarbi!

Insomma ecco, ho trascritto qui sotto il dialogo.

A: Ehi, topastro, non sai che questo non è un buon posto per te?

R: Anzitutto chiariamo: Io non sono un topo, sono un ratto, noi ratti siamo molto più intelligenti di quegli stupidi topi!

A: Scusa eh, ma rimane il fatto che se fossi in te starei lontano da qui… altro che intelligente, proprio qui vieni a razzolare?

R: So perfettamente dove sono, cretino, di là ci sono i laboratori, e lì si sta al caldo.

A: Secondo me non sai di che parli!

R: Ah ma ci sei o ci fai? Sei TU che non sai di cosa parli, guarda mo’ ti spiego, poi se non capisci dimmi che ti faccio i disegnini…

A: Sigh. Sentiamo.

R: Fa un freddo cane, ci sono due gradi, piove, io non mangio da giorni, ho perlustrato sto accidenti di cespuglio per tre ore ma non c’è niente da mangiare, e stanotte ha pure ghiacciato.

A: Capisco… ma mica ci saranno solo i laboratori per stare al caldo.

R: Uh sì, ci sono le fogne, bel posto eh!

A: Ok, nel laboratorio ti danno da mangiare e fa più caldo ma…

R: Ma non solo, io sono un bel maschione sano. Magari mi prendono come ratto da riproduzione, mi han detto che li è pieno di topa!

A: Ma che film ti fai? Guarda che non è mica bello fare il topo da laboratorio.

R: DI NUOVO! Topi da laboratorio sarete tu e quegli sfigati che stan li a lavorare 12 ore al giorno per una borsa di studio! Io sono un RATTO, r-a-t-t-o, chiaro?

A: Ok, signor ratto, ma poi li ti ammazzano!

R: Lo so, lo so benissimo, mi usano per un po’ di esperimenti e poi un giorno una bella anestesia e “salutame assoreta”, quando dovrò morire ci metto la firma per morire così

A: Ma comunque ti ammazzano!

R: Morire moriremo tutti, anche tu, coglione, ma qui fuori di sicuro muoio più in fretta. In media posso vivere un anno o due, se riesco a entrare in laboratorio posso vivere il doppio!

A: Ma importa come si vive, mica solo quanto. E poi modera i termini eh.

R: Ma allora ci sei e ci fai al tempo stesso. Li sto in una bella stanzina pulita e climatizzata, con degli amici con cui giocare e socializzare, con del magime buonissimo, tutte le mattine mi visita il dottore per vedere come sto. Trombo, mangio e dormo. Poi ritrombo, rimangio e ridormo. Qui fuori è una vita di stenti, freddo e fame, poca topa, mai una gioia!

A: Si mai poi hai presente cosa ti fanno? Mica muori bene eh.

R: Perché secondo te qui muoio bene? Uh, magari può andarmi bene, mi faccio un giro in tangenziale mentre passa una macchina: squeck e via, non me ne accorgo nemmeno. Sarebbe una fortuna.

A: Ma che schifo. E’ orribile!

R: Orribile? E’ la cosa migliore che mi può capitare, anche meglio del gatto.

A: Il gatto?

R: Sì, quei peluche cattivissimi che voi umani tenete in casa come fossero pupazzi

A: So cos’è un gatto

R: No, non lo sai. Un gatto è un mostro orribile con denti e unghie micidiali. Di una cattiveria inaudita. Ti prende e ti stacca i pezzi mentre sei ancora vivo, ti mastica un po’, poi ti da uno schiaffo per accertarsi che tu sia ancora vivo, e ricomincia. Di solito manco ti mangia, lo fa per giocare. Per fortuna non dura molto, un paio d’ore al massimo e smetti di soffrire.

A: E’ terribile…

R: No, come ti ho detto con il gatto mi andrebbe ancora bene. Pensa al veleno… ce ne sono due tipi: quello con l’anticoagulante che ti fa sanguinare tutto, dentro e fuori, dura ore e ore; oppure quello che si gonfia nello stomaco ed esplo…

A: BASTA cavolo, te sei peggio di un film di Dario Argento

R: Welcome to reality bamboccio, cosa pensavi? Che io vivessi in un fumetto di Disney?

A: No ma insomma…

R: Insomma ‘na sega. Facciamola breve: Chiedo asilo politico, mi fai entrare in stabulario sì o no?

A: No vedi, tu sei sporco, lì è un ambiente sterile, poi gli animali che stanno li sono colonie selezionate…

R: Ecco lo sapevo, voi scienziati siete dei razzisti. Altro che assassini. Siete dei razzisti di merda. Ecco cosa siete.

A: Non è quello dai, è che proprio non si può, poi usare per la ricerca animali selvatici è proibito!

R: Legge del cazzo.

A: Non l’ho scritta io.

R: Vabbé, comunque ho capito, niente asilo politico, almeno hai un pezzo di formaggio?

A: Ma scusa, il formaggio si fa con il latte, le povere mucche maltrattate… non ti senti in colpa?

R: Ah ma allora sei coglione forte eh, chissenefrega delle mucche, io non sono stupido come un umano, sono specista, totalmente e fottutamente specista, noi animali lo siamo tutti. Siete solo voi umani ad avere ste paturnie. Io sono specista e rattocentrico.

A: Specista e… rattocentrico?

R: Certo. Specista perché se ti guardo noto che sei bislungo, glabro, viscido e senza coda; ed è inutile che tiri fuori il misero codino da 12 centimetri che tieni nascosto, è ridicolo rispetto alle tue dimensioni: è evidente che non sei uguale a me. E devo dire che esteticamente fai proprio un po’ schifo.

A: Grazie eh, ma mi sa che hai le idee confuse sull’anatomia comparata, la coda non ce l’ho proprio. Comunque quel che non capivo è il “rattocentrico”!

R: Vuol dire che vedo le specie dal punto di vista di un ratto, del resto io SONO un ratto, da dove le dovrei vedere… dal punto di vista di un delfino? Tra un altro ratto e un topo scelgo il ratto, tra il topo e tua sorella scelgo il topo, a meno che tua sorella non sia una gran topa, ma quello è un altro discorso.

A: Psicologicamente disturbato dai film dell’orrore e maniaco sessuale… stai messo bene.

R: Sarai normale te. Glabro, bislungo, senza coda e invece che lavorare pratichi onanismo mentale su facebook. E pensi pure di parlare con i ratti.

A: Ok, ok, ok. Ci rinuncio. Ma mi stai simpatico. Vado alla macchinetta e ti prendo un tramezzino al formaggio.

R: Grazie amico, sei stupido come tutti gli umani ma meno cattivo di chi ha rapito mio cugino da un laboratorio per tenerlo nel cesso, karma a te.

Annunci

5 thoughts on “Strani tipi rattocentrici.

  1. E se al ratto vogliono fare esperimenti dolorosi? certo, gli andrebbe peggio degli altri su cui si fanno esperimenti meno dolorosi, e comunque sempre meglio un dolore lancinante per 30 minuti che 3 mesi al freddo… o almeno credo… non saprei, non sono un ratto ma un pusillanime che ha paura del dolore fisico. Bella storiella comunque.

    Mi piace

    • Anestesia obbligatoria. Salvo che non si debba provare un anestetico o un antidolorifico, in quel caso ci si ferma al “dolore moderato” (esistono metodi per rilevare le “manifestazioni di nervosismo” del ratto), e per fare questi esperimenti ci vuole una autorizzazione speciale del ministero, dopo che un comitato etico ha valutato il progetto e il ricercatore ha dimostrato che non esiste un modo migliore (nel senso di un modo che causa meno sofferenza all’animale, un modo che utilizza un animale con un sistema nervoso meno evoluto o, ovviamente, un metodo alternativo). Questo serve proprio perché possano esistere farmaci per chi come te (e me) è un pusillanime che teme il dolore fisico 🙂
      Nessuno qui sta a dire che la vita di un animale da laboratorio sia disney, sia chiaro: solo che tra le “atroci torture gratuite” raccontate dagli integralisti e la realtà ce ne passa. [RV]

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...